laRegione
09.12.21 - 17:57
Aggiornamento: 18:26

Rifiuto indennità perdita di guadagno, Taskforce Cultura reclama

Visto il moltiplicarsi degli annullamenti si chiede all’Uffico federale delle assicurazioni sociali di rivedere la pratica con le casse di compensazione

Ats, a cura de laRegione
rifiuto-indennita-perdita-di-guadagno-taskforce-cultura-reclama
Un vuoto d’incassi (Ti-Press)

Attualmente le indennità di perdita di guadagno di numerosi artisti vengono rifiutate. Visto il moltiplicarsi degli annullamenti nel settore culturale a causa della pandemia, la Taskforce Cultura ha inviato una lettera all’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas) perché riveda la sua pratica con le casse di compensazione. La pratica attuale concernente l’indennità di perdita di guadagno è una misura di risparmio, ha indicato la Taskforce Cultura in una nota odierna. Questo nonostante il Parlamento abbia confermato a più riprese di voler compensare le perdite di guadagno causate dalle misure sanitarie qualora gli indipendenti subissero una riduzione del 30% della cifra d’affari abituale, prosegue.

Secondo la Taskforce Cultura le casse di compensazione cantonali invocano la ragione seguente: attualmente non vi è nessuna misura decretata dalla Confederazione e dai Cantoni nell’ambito culturale che darebbe diritto a un’indennità. Ma visto l’aumento del numero di casi e per evitare un sovraccarico degli ospedali, il Consiglio federale ha deciso nuove misure che hanno già portato all’annullamento di numerosi eventi. La Taskforce Cultura sottolinea inoltre che la tempistica di un tale inasprimento della concessione di queste indennità non è comprensibile, soprattutto perché gli attori culturali e gli organizzatori hanno ampiamente esaurito le loro riserve finanziarie.

Infine, una tale pratica non deriva dalla legge Covid-19, dall’ordinanza o dalle circolari attuali dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali. Il fatto che il fatturato dei settori colpiti – che comprendono non solo la cultura ma anche, per esempio, il settore degli eventi e la ristorazione – non sia ancora tornato alla normalità è una diretta conseguenza delle misure adottate negli ultimi mesi per contenere la pandemia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
cyberpornografia
5 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
6 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
6 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
8 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
11 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
11 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
15 ore
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
1 gior
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
© Regiopress, All rights reserved