laRegione
08.12.21 - 10:45
Aggiornamento: 14:59

Oggi l’elezione di Cassis a presidente della Confederazione

A mezzogiorno i due rami del parlamento si riuniranno per il voto. L’ultimo ticinese a ricoprire tale carica fu Flavio Cotti

Ats, a cura de laRegione
oggi-l-elezione-di-cassis-a-presidente-della-confederazione

Riprendono stamane i dibattiti alle Camere federali: verso mezzogiorno i due rami del parlamento si riuniranno per eleggere il presidente della Confederazione, carica che spetta a Ignazio Cassis nel 2022, e il vicepresidente del Consiglio federale.

L’ultimo presidente della Confederazione ticinese è stato Flavio Cotti, carica che l’ormai defunto ministro locarnese ricoprì per ben due volte, nel 1991 e nel 1998, l’ultima volta quando era a capo della diplomazia elvetica, esattamente come Ignazio Cassis che guida il Dipartimento federale degli affari esteri dal 2017, anno della sua elezione in Consiglio federale.

Prima di questo appuntamento – il cui esito, perlopiù scontato, dà però la temperatura del gradimento di un ministro fra i parlamentari sulla base dei voti ricevuti – i due rami del parlamento dovranno sbrigare tutta una serie di affari correnti, e non dei minori.

Al Consiglio nazionale (dalle 8) proseguirà il dibattito incominciato ieri sulla riforma della previdenza professionale. Punto chiave di questa riforma è la riduzione del tasso minimo di conversione dal 6,8 al 6%. Sempre ieri, inoltre, la camera del popolo ha fatto un passo in avanti in vista dell’adozione della riforma dell’Avs, approvando un compromesso sulla compensazione relativa all’aumento dell’età pensionabile delle donne che prevede un periodo transitorio di nove anni.

Il programma contempla poi gli aiuti finanziarti agli impianti sportivi di importanza nazionale e l’esame della legge Covid a livello di divergenze. Su quest’ultimo dossier, il Nazionale dovrà decidere se vuole la gratuità per tutti i test anti-Covid, o solo per una parte, come stabilito dal Consiglio degli Stati. Quest’ultimo non ne vuole nemmeno sapere della pubblicazione dei contratti firmati dalla Confederazione per l’acquisto di vaccini e farmaci contro il coronavirus.

L’agenda del Consiglio degli Stati (dalle 8.15) prevede l’esame di vari atti parlamentari, tra cui una mozione che chiede al governo di impegnarsi maggiormente nella promozione dei diritti umani in Cina. I “senatori” tratteranno poi, a livello di divergenze, tre dossier in fase di conclusione: l’armonizzazione delle pene, il rafforzamento dell’attrattiva della Svizzera quale ospite di fondazioni e la legge sui profili del Dna.

Circa quest’ultimo argomento, le camere sono favorevoli all’estensione delle analisi del genoma anche a caratteristiche fisiche visibili come l’età o la discendenza biogeografica, tuttavia vogliono che simili esami siano limitati ai crimini più gravi. L’unica divergenza rimasta riguarda i termini per la cancellazione dei profili del Dna in caso di sentenza di assoluzione passata in giudicato, di abbandono definitivo del procedimento o di non luogo a procedere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 ore
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
10 ore
Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs
K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
10 ore
‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’
Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
10 ore
Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia
L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
11 ore
Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta
Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
12 ore
La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale
Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
13 ore
La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà
Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
14 ore
Grigioni, passo avanti per il centro Sup
La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
Svizzera
14 ore
I funzionari pubblici ginevrini incrociano le braccia
Dal malcontento per il budget 2023 allo sciopero: mercoledì prossimo una giornata di astensione dal lavoro. Baud: ‘È la prima tappa’
Svizzera
14 ore
‘Pronti a ritirare l’Iniziativa per i ghiacciai’
Soddisfatto dal controprogetto, a determinate condizioni il comitato promotore potrebbe fare retromarcia
© Regiopress, All rights reserved