laRegione
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Davos
2
Berna
0
1. tempo
(2-0)
Zugo
2
Ajoie
0
1. tempo
(2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
1. tempo
(1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(2-0)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
2
GCK Lions
1
1. tempo
(2-1)
stop-ai-viaggi-per-chi-e-ammesso-provvisoriamente-in-svizzera
Keystone
Esame caso per caso
06.12.21 - 22:010

Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera

Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.

a cura de laRegione

Berna – Le persone ammesse provvisoriamente in Svizzera non saranno di regola autorizzate a viaggiare, nemmeno all’interno dello spazio Schengen. Lo ha deciso il Consiglio nazionale allineandosi così agli Stati in merito alla pertinente modifica della Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione.

Con questa decisione, le eccezioni per i viaggi all’interno dello spazio Schengen continueranno ad essere regolate a livello di ordinanza e approvate caso per caso, ha spiegato Marco Romano (Centro/TI) precisando che non si tratta di un inasprimento della legge ma della conferma della prassi attuale.

Esame caso per caso

Secondo il diritto attuale i viaggi in altri Paesi sono possibili previa autorizzazione, ha spiegato la consigliera federale Karin Keller-Sutter, citando ad esempio i casi di grave malattia o decesso di un famigliare, ma anche da motivi umanitari.

La sinistra e i Verdi liberali si sono battuti invano per mantenere la decisione del Nazionale di prima lettura, ossia per consentire i viaggi in casi eccezionali, come gite scolastiche, importanti eventi sportivi e culturali o visite a famigliari stretti. Le eccezioni previste dall’ordinanza sono invece troppo restrittive, ha deplorato Ada Marra (PS/VD).

La legislazione vigente che era pensata per impedire alle persone ammesse provvisoriamente di viaggiare verso il loro Paese d’origine si è trasformata in un divieto generale di viaggio, ha sostenuto Corina Gredig (PVL/ZH). Questa è una chiara violazione dei diritti fondamentali, ha criticato, invano, la zurighese.

Critiche da Osar e Unhcr

L’Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati (OSAR) e l’Agenzia dell’ONU per i profughi (UNHCR) ritengono sproporzionato e deplorano il divieto di viaggio approvato oggi dal parlamento federale.

La proibizione non rende giustizia alla difficile situazione di numerose famiglie che sono state separate a causa della fuga e della persecuzione e che hanno trovato rifugio in vari Stati del cosiddetto Spazio Schengen, scrive l’ufficio dell’UNHCR per la Svizzera e il Liechtenstein in un comunicato diffuso questa sera. Si tratta di un’imposizione che peggiora ulteriormente la situazione giuridica degli interessati.

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati auspica che la Segreteria di Stato della Migrazione (SEM) utilizzi il margine di manovra legale rimanente a livello di ordinanza e permetta alle persone di viaggiare all’estero in casi umanitari urgenti.

Dal canto suo l’OSAR chiede al Consiglio federale di non imporre ulteriori restrizioni nelle disposizioni esecutive. Al contrario - aggiunge - è imperativo che le possibilità di eccezioni esistenti siano mantenute e completate. Secondo l’OSAR, questo divieto di viaggio è incompatibile con i diritti fondamentali protetti sia dal diritto costituzionale che internazionale, come la libertà di movimento e il diritto alla vita familiare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
‘Quarantene e telelavoro, probabile stop la prossima settimana’
Lo ha dichiarato il consigliere federale Alain Berset durante una visita all’ospedale cantonale di Aarau. Nessuna modifica per ora al certificato Covid.
Svizzera
5 ore
Si andrà a votare contro ogni obbligo vaccinale in Svizzera
L’iniziativa popolare “Per la libertà e l’integrità fisica” è formalmente riuscita: raccolte 125’015 firme valide
Svizzera
6 ore
Processo Vincenz, la difesa chiede la piena assoluzione
Il difensore dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz ha sostenuto stamani che tutte le accuse della procura sono infondate
Svizzera
6 ore
In Svizzera Omicron rappresenta quasi il 95% dei casi
Resta stabile la situazione ospedaliera, con i pazienti Covid che occupano poco meno di un quarto dei letti in cure intense. 14 decessi in 24 ore
Svizzera
14 ore
Aiuti ai media, sostegno sacrosanto o mela avvelenata?
Il 13 febbraio si vota su un pacchetto da 151 milioni per sette anni. I consiglieri nazionali Alex Farinelli (Plr) e Marco Romano (Centro) a confronto.
Svizzera
1 gior
Di nuovo fuori uso il registro donazione organi in Svizzera
Era tornato temporaneamente attivo dopo la scoperta di una falla nel sistema di sicurezza. Adesso è stato rimesso offline.
Svizzera
1 gior
Chiesti 6 anni di carcere da scontare per Vincenz e Stocker
Chiusa la requisitoria al quarto giorno del processo all’ex Ceo di Raiffeisen e al suo collega in affari. La Procura: si sono enormemente arricchiti
Svizzera
1 gior
Studio svizzero: Omicron non spingerà gli ospedali al limite
Uno studio, ancora senza verifica esterna, prospetta tre scenari: nel caso peggiore la situazione in cure intense non dovrebbe arrivare a essere critica
Svizzera
1 gior
Report settimanale: -11% di pazienti Covid in cure intense
Il numero di contagi è aumentato del 28,2%, con un livello di test record. Stabili i decessi
Svizzera
1 gior
Le casse malati avvertono: più costi porteranno a premi più cari
L’organizzazione degli assicuratori malattia Santésuisse mette in guardia in vista di un rialzo dei premi dovuti alla crescita delle spese
© Regiopress, All rights reserved