laRegione
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
Xamax
20:15
 
Langnau
Lugano
19:45
 
Ginevra
Zurigo
19:45
 
Friborgo
Bienne
19:45
 
Davos
Berna
19:45
 
Zugo
Ajoie
19:45
 
Visp
Turgovia
19:45
 
Olten
Zugo Academy
19:45
 
Kloten
La Chaux de Fonds
19:45
 
Ticino Rockets
Langenthal
20:00
 
Sierre
GCK Lions
20:00
 
tpf-pena-ridotta-a-36-mesi-per-l-emiro-di-winterthur
Ti-Press
Il Tribunale penale federale di Bellinzona
06.12.21 - 13:330
Aggiornamento : 16:36

Tpf: pena ridotta a 36 mesi per ‘l’emiro di Winterthur’

Al 35enne, condannato per essere un sostenitore dell’Isis, in prima istanza erano stati inflitti 50 mesi di reclusione senza la condizionale

La Corte d’appello del Tribunale penale federale (TPF) ha condannato un sostenitore dell’Isis noto come “l’emiro di Winterthur” a una pena detentiva di 36 mesi, di cui 18 da scontare. In prima istanza all’imputato 35enne erano stati inflitti 50 mesi senza la condizionale.

L’accusato, che ha già trascorso quasi un anno in detenzione preventiva, deve quindi tornare in prigione per scontare il resto della pena. La Corte d’appello ha confermato in gran parte le accuse del TPF di un anno fa, ma ha ridotto la pena alla luce degli atti che sono stati effettivamente provati.

La Corte d’appello considera dimostrato che l’uomo si sia recato in Siria alla fine del 2013 per sostenere il sedicente Stato Islamico (Isis). Tuttavia, sono stati provati solo alcuni servizi di guardia e nessuna operazione di combattimento, inoltre sarebbe rientrato in Svizzera dopo tre settimane, ha comunicato oggi il tribunale.

Più grave, secondo la Corte, è stato l’indottrinamento e il reclutamento di ragazzi e giovani adulti che poi si sono recati nella zona di combattimento in Siria.

L’imputato è stato assolto dall’accusa di possesso di immagini violente. Secondo il comunicato stampa della Corte d’appello, il video scoperto nell’indagine penale si trovava nella cache del cellulare dell’uomo, non l’aveva scaricato attivamente per cui la volontà di possedere tali immagini non è provata.

La Corte non ha seguito la richiesta del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) di condannare il 35enne per partecipazione e non solo per sostegno a un’organizzazione criminale. L’MPC aveva chiesto durante il processo d’Appello, tenutosi lo scorso novembre, una condanna di 55 mesi da scontare. Il difensore dell’imputato aveva invece sostenuto l’assoluzione.

Nel processo d’Appello il 35enne si era definito un ex simpatizzante dell’Isis e aveva dichiarato di rammaricarsene profondamente, parlando di un “errore che mi ha rovinato la vita”.

L’uomo aveva quindi espresso l’intenzione di ricostruirsi, fra molte difficoltà, una nuova vita. L’imputato è attualmente inabile al lavoro a causa di un disturbo da stress post-traumatico certificato da un medico. Malattia – aveva detto l’imputato – che sarebbe stata causata dal tempo passato in detenzione preventiva.

Ogni tentativo di trovare un lavoro è finora fallito, indipendentemente dalle sue condizioni di salute. Per questo, l’accusato aveva dichiarato di dover far ricorso all’assistenza sociale.

L’uomo si è nel frattempo separato dalla moglie sposata in Svizzera, lasciando alla donna la custodia della figlia. Il 35enne ha divorziato anche dalla seconda moglie sposata secondo il rito islamico. La donna e la figlia comune sono nel frattempo ritornate in Germania. Il processo è stato seguito anche dalla nuova fidanzata del 35enne.

La decisione della Corte d’appello non è definitiva e può essere ancora impugnata davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
‘Quarantene e telelavoro, probabile stop la prossima settimana’
Lo ha dichiarato il consigliere federale Alain Berset durante una visita all’ospedale cantonale di Aarau. Nessuna modifica per ora al certificato Covid.
Svizzera
4 ore
Si andrà a votare contro ogni obbligo vaccinale in Svizzera
L’iniziativa popolare “Per la libertà e l’integrità fisica” è formalmente riuscita: raccolte 125’015 firme valide
Svizzera
5 ore
Processo Vincenz, la difesa chiede la piena assoluzione
Il difensore dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz ha sostenuto stamani che tutte le accuse della procura sono infondate
Svizzera
5 ore
In Svizzera Omicron rappresenta quasi il 95% dei casi
Resta stabile la situazione ospedaliera, con i pazienti Covid che occupano poco meno di un quarto dei letti in cure intense. 14 decessi in 24 ore
Svizzera
14 ore
Aiuti ai media, sostegno sacrosanto o mela avvelenata?
Il 13 febbraio si vota su un pacchetto da 151 milioni per sette anni. I consiglieri nazionali Alex Farinelli (Plr) e Marco Romano (Centro) a confronto.
Svizzera
1 gior
Di nuovo fuori uso il registro donazione organi in Svizzera
Era tornato temporaneamente attivo dopo la scoperta di una falla nel sistema di sicurezza. Adesso è stato rimesso offline.
Svizzera
1 gior
Chiesti 6 anni di carcere da scontare per Vincenz e Stocker
Chiusa la requisitoria al quarto giorno del processo all’ex Ceo di Raiffeisen e al suo collega in affari. La Procura: si sono enormemente arricchiti
Svizzera
1 gior
Studio svizzero: Omicron non spingerà gli ospedali al limite
Uno studio, ancora senza verifica esterna, prospetta tre scenari: nel caso peggiore la situazione in cure intense non dovrebbe arrivare a essere critica
Svizzera
1 gior
Report settimanale: -11% di pazienti Covid in cure intense
Il numero di contagi è aumentato del 28,2%, con un livello di test record. Stabili i decessi
Svizzera
1 gior
Le casse malati avvertono: più costi porteranno a premi più cari
L’organizzazione degli assicuratori malattia Santésuisse mette in guardia in vista di un rialzo dei premi dovuti alla crescita delle spese
© Regiopress, All rights reserved