laRegione
06.12.21 - 13:33
Aggiornamento: 16:36

Tpf: pena ridotta a 36 mesi per ‘l’emiro di Winterthur’

Al 35enne, condannato per essere un sostenitore dell’Isis, in prima istanza erano stati inflitti 50 mesi di reclusione senza la condizionale

Ats, a cura de laRegione
tpf-pena-ridotta-a-36-mesi-per-l-emiro-di-winterthur
Ti-Press
Il Tribunale penale federale di Bellinzona

La Corte d’appello del Tribunale penale federale (TPF) ha condannato un sostenitore dell’Isis noto come “l’emiro di Winterthur” a una pena detentiva di 36 mesi, di cui 18 da scontare. In prima istanza all’imputato 35enne erano stati inflitti 50 mesi senza la condizionale.

L’accusato, che ha già trascorso quasi un anno in detenzione preventiva, deve quindi tornare in prigione per scontare il resto della pena. La Corte d’appello ha confermato in gran parte le accuse del TPF di un anno fa, ma ha ridotto la pena alla luce degli atti che sono stati effettivamente provati.

La Corte d’appello considera dimostrato che l’uomo si sia recato in Siria alla fine del 2013 per sostenere il sedicente Stato Islamico (Isis). Tuttavia, sono stati provati solo alcuni servizi di guardia e nessuna operazione di combattimento, inoltre sarebbe rientrato in Svizzera dopo tre settimane, ha comunicato oggi il tribunale.

Più grave, secondo la Corte, è stato l’indottrinamento e il reclutamento di ragazzi e giovani adulti che poi si sono recati nella zona di combattimento in Siria.

L’imputato è stato assolto dall’accusa di possesso di immagini violente. Secondo il comunicato stampa della Corte d’appello, il video scoperto nell’indagine penale si trovava nella cache del cellulare dell’uomo, non l’aveva scaricato attivamente per cui la volontà di possedere tali immagini non è provata.

La Corte non ha seguito la richiesta del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) di condannare il 35enne per partecipazione e non solo per sostegno a un’organizzazione criminale. L’MPC aveva chiesto durante il processo d’Appello, tenutosi lo scorso novembre, una condanna di 55 mesi da scontare. Il difensore dell’imputato aveva invece sostenuto l’assoluzione.

Nel processo d’Appello il 35enne si era definito un ex simpatizzante dell’Isis e aveva dichiarato di rammaricarsene profondamente, parlando di un “errore che mi ha rovinato la vita”.

L’uomo aveva quindi espresso l’intenzione di ricostruirsi, fra molte difficoltà, una nuova vita. L’imputato è attualmente inabile al lavoro a causa di un disturbo da stress post-traumatico certificato da un medico. Malattia – aveva detto l’imputato – che sarebbe stata causata dal tempo passato in detenzione preventiva.

Ogni tentativo di trovare un lavoro è finora fallito, indipendentemente dalle sue condizioni di salute. Per questo, l’accusato aveva dichiarato di dover far ricorso all’assistenza sociale.

L’uomo si è nel frattempo separato dalla moglie sposata in Svizzera, lasciando alla donna la custodia della figlia. Il 35enne ha divorziato anche dalla seconda moglie sposata secondo il rito islamico. La donna e la figlia comune sono nel frattempo ritornate in Germania. Il processo è stato seguito anche dalla nuova fidanzata del 35enne.

La decisione della Corte d’appello non è definitiva e può essere ancora impugnata davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 min
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
27 min
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
46 min
‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’
A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
2 ore
Dopo l‘addio di Maurer in casa Udc parte il ’toto-nome’
Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
20 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
2 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
© Regiopress, All rights reserved