laRegione
05.12.21 - 10:04
Aggiornamento: 14:40

‘Divieti per i non vaccinati? Non sono da escludere’

A dirlo Lukas Engelberger che, discutendo anche di un eventuale obbligo vaccinale afferma: ‘È pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini’

Ats, a cura de laRegione
divieti-per-i-non-vaccinati-non-sono-da-escludere
Keystone

Il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità, Lukas Engelberger, non esclude l’introduzione generalizzata di divieti per i non vaccinati contro il coronavirus, la cosiddetta strategia 2G. A suo dire, il Consiglio federale ha già fatto un passo in questo senso.

Venerdì, il governo ha dato la possibilità agli esercizi pubblici e agli organizzatori di eventi di rendere possibile l’accesso solamente a vaccinati e guariti, escludendo quindi i solamente testati, ha ricordato Engelberger in un’intervista diffusa oggi dal SonntagsBlick.

Ma se diventasse impossibile controllare l’attuale situazione epidemica, la regola del 2G potrebbe non bastare, e potrebbe essere necessario estendere l’utilizzo delle mascherine e introdurre limiti di capacità, ha aggiunto.

Vaccino obbligatorio non conviene

L’obbligo vaccinale potrebbe essere un’altra misura possibile, ma in Svizzera solitamente vige il principio della responsabilità individuale, ha detto da parte sua Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni, intervistato dalla NZZ am Sonntag. «Un obbligo generalizzato violerebbe questo principio» e potrebbe quindi essere preso in considerazione solo nel caso in cui tutte le altre misure si rivelassero inefficaci.

Secondo Engelberger, un obbligo vaccinale metterebbe in pericolo la motivazione di molti proprio a farsi iniettare il rimedio: «Per imporre una vaccinazione obbligatoria, la Svizzera dovrebbe utilizzare metodi così duri che la relazione fra cittadini e Stato sarebbe gravemente danneggiata a lungo termine».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina
4 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
11 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
12 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
13 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
14 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
15 ore
Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi
Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
15 ore
I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset
Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
17 ore
‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’
Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
19 ore
Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada
Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
1 gior
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
© Regiopress, All rights reserved