laRegione
03.12.21 - 20:34

I No-Ue verso un ‘potente movimento unico’ in Svizzera

Tre organizzazioni intendono unire le forze per preparare la prossima battaglia politica contro l’adesione all’Unione europea

Ats, a cura de laRegione
i-no-ue-verso-un-potente-movimento-unico-in-svizzera

L’Azione per una Svizzera neutrale e indipendente (Asni) e altre due organizzazioni critiche nei confronti dell’Unione europea intendono unirsi. I membri delle singole associazioni si pronunceranno sul progetto la prossima primavera. Le direzioni dell’Asni, del Comitato contro l’adesione strisciante all’Ue e dell’Associazione padronale contro l’adesione all’Ue hanno deciso la scorsa settimana di avviare il processo di fusione, indica una nota comune odierna. Obiettivo: formare un “potente movimento per difendere l’indipendenza, la neutralità e la sicurezza della Svizzera”. I dettagli della fusione saranno elaborati nelle prossime settimane. Saranno poi presentati alle assemblee generali delle singole associazioni in primavera.

Interpellata da Keystone-Ats, la segreteria dell’Asni ha indicato che la fusione non implicherà la scomparsa dell’organizzazione, che intende rimanere un attore rilevante della difesa dell’autonomia elvetica. L’obiettivo principale dell’aggregazione è quello di unire le forze “in un periodo in cui la politica di potere dell’Ue si fa sempre più aspra e i fautori di un rapido avvicinamento all’Ue in Svizzera fanno di tutto per promuovere un’adesione. È dunque il momento opportuno per preparare la prossima battaglia politica”. Il nome della futura organizzazione unificata non per ora non è stato oggetto di riflessione.

Da 35 anni

L’Asni è stata fondata nel 1986 dagli allora consiglieri nazionali Christoph Blocher (Udc/Zh) e Otto Fischer (Plr/Be). È emersa dal comitato d’azione contro l’adesione all’Onu (quell’anno una prima proposta di entrata nelle Nazioni unite venne bocciata da oltre il 75% dei votanti). Il suo più grande trionfo politico è stato il no popolare del 1992 all’adesione della Confederazione allo Spazio economico europeo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga
Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
14 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
15 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
15 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
17 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
17 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
17 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
17 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
18 ore
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
21 ore
Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
© Regiopress, All rights reserved