laRegione
ginevra-sparo-e-uccise-un-amico-16-anni-di-carcere
archivio Ti-Press
I fatti risalgono al maggio 2016
03.12.21 - 18:52
Aggiornamento : 20:06

Ginevra: sparò e uccise un amico, 16 anni di carcere

I fatti risalgono al maggio 2016. Il tribunale criminale ha condannato un uomo di 42 anni

Ats, a cura de laRegione

Il tribunale criminale di Ginevra ha condannato oggi un uomo di 42 anni a 16 anni di prigione per assassinio. Nel maggio 2016, nel quartiere Libellules di Chatelaine (Ge), l’uomo aveva sparato a freddo a un amico, vicino di casa con cui aveva avuto un alterco qualche giorno prima, crivellandolo di proiettili.

Per i giudici, l’accusato si è reso colpevole di una “vera e propria esecuzione”. Ha agito con un “sangue freddo agghiacciante”, svuotando due volte il caricatore della sua pistola semiautomatica sulla vittima, raggiungendola nella sala da tè dove si era rifugiata per “sterminarla come un cane”.

Il tribunale ha sottolineato il “comportamento terrificante” dell’imputato, che ha fatto vivere “l’indicibile” al suo vicino, nonostante lo conoscesse da anni e con lui avesse stabilito un’amicizia. La colpa dell’accusato è “di una gravità estrema”. È stata inoltre commessa per un “movente eminentemente futile”.

Secondo la corte, il “sentimento d’inferiorità” di cui soffre il 42enne, la sua frustrazione, “i fallimenti nella sua vita”, il tutto associato a una personalità borderline e paranoica, hanno potuto costituire una miscela esplosiva. L’imputato voleva vendicarsi dell’affronto ricevuto dopo l’alterco. La sua rabbia si è “cristallizzata” sulla sua vittima.

Egocentrismo

Il tribunale ha rimproverato all’accusato il suo egocentrismo: i giudici hanno deplorato tra l’altro i tentativi dell’imputato di giustificarsi costantemente, di evocare traumi subiti durante l’infanzia per spiegare le sue azioni.

I giudici hanno inoltre disapprovato il comportamento del 42enne che ha puntato, nel corso di tutto il procedimento, a infangare la memoria della vittima. L’ha fatta passare per uno spacciatore, un boss, un ricattatore, quando in realtà era una persona “disponibile e scherzosa”, a cui piaceva chiamare i suoi amici con nomignoli.

D’altra parte, la corte non ha considerato la premeditazione. Secondo i giudici nessun elemento permette di affermare che l’accusato abbia cercato il suo vicino nei giorni successivi alla lite avuta con quest’ultimo. Sulla base della perizia, hanno ammesso che l’imputato fosse solo marginalmente responsabile.

Un massacro

I fatti risalgono al maggio 2016 nel quartiere Libellules. L’accusato ha prima sparato tre colpi alla sua vittima mentre quest’ultima stava tornando a casa, nel vicolo dell’immobile. Si è poi allontanato, ha ricaricato l’arma, prima di raggiungere il vicino nella sala da tè dove si era rifugiato.

Nello stabilimento, in presenza di altri clienti, l’accusato ha puntato l’arma in direzione della sua vittima e gli ha sparato una volta al petto, poi tre volte alla testa. Ha lasciato la sala da tè, ha rimesso i proiettili nella sua pistola, poi è rientrato nel locale e ha sparato altri due colpi alla testa del suo amico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ginevra sentenza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini
Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
4 ore
Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento
Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
5 ore
Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos
A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
5 ore
Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera
Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
5 ore
Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio
Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
6 ore
Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima
Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
7 ore
La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere
Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
8 ore
Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato
Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
10 ore
Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera
Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
11 ore
Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese
Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
© Regiopress, All rights reserved