laRegione
03.12.21 - 18:52
Aggiornamento: 20:06

Ginevra: sparò e uccise un amico, 16 anni di carcere

I fatti risalgono al maggio 2016. Il tribunale criminale ha condannato un uomo di 42 anni

Ats, a cura de laRegione
ginevra-sparo-e-uccise-un-amico-16-anni-di-carcere
archivio Ti-Press
I fatti risalgono al maggio 2016

Il tribunale criminale di Ginevra ha condannato oggi un uomo di 42 anni a 16 anni di prigione per assassinio. Nel maggio 2016, nel quartiere Libellules di Chatelaine (Ge), l’uomo aveva sparato a freddo a un amico, vicino di casa con cui aveva avuto un alterco qualche giorno prima, crivellandolo di proiettili.

Per i giudici, l’accusato si è reso colpevole di una “vera e propria esecuzione”. Ha agito con un “sangue freddo agghiacciante”, svuotando due volte il caricatore della sua pistola semiautomatica sulla vittima, raggiungendola nella sala da tè dove si era rifugiata per “sterminarla come un cane”.

Il tribunale ha sottolineato il “comportamento terrificante” dell’imputato, che ha fatto vivere “l’indicibile” al suo vicino, nonostante lo conoscesse da anni e con lui avesse stabilito un’amicizia. La colpa dell’accusato è “di una gravità estrema”. È stata inoltre commessa per un “movente eminentemente futile”.

Secondo la corte, il “sentimento d’inferiorità” di cui soffre il 42enne, la sua frustrazione, “i fallimenti nella sua vita”, il tutto associato a una personalità borderline e paranoica, hanno potuto costituire una miscela esplosiva. L’imputato voleva vendicarsi dell’affronto ricevuto dopo l’alterco. La sua rabbia si è “cristallizzata” sulla sua vittima.

Egocentrismo

Il tribunale ha rimproverato all’accusato il suo egocentrismo: i giudici hanno deplorato tra l’altro i tentativi dell’imputato di giustificarsi costantemente, di evocare traumi subiti durante l’infanzia per spiegare le sue azioni.

I giudici hanno inoltre disapprovato il comportamento del 42enne che ha puntato, nel corso di tutto il procedimento, a infangare la memoria della vittima. L’ha fatta passare per uno spacciatore, un boss, un ricattatore, quando in realtà era una persona “disponibile e scherzosa”, a cui piaceva chiamare i suoi amici con nomignoli.

D’altra parte, la corte non ha considerato la premeditazione. Secondo i giudici nessun elemento permette di affermare che l’accusato abbia cercato il suo vicino nei giorni successivi alla lite avuta con quest’ultimo. Sulla base della perizia, hanno ammesso che l’imputato fosse solo marginalmente responsabile.

Un massacro

I fatti risalgono al maggio 2016 nel quartiere Libellules. L’accusato ha prima sparato tre colpi alla sua vittima mentre quest’ultima stava tornando a casa, nel vicolo dell’immobile. Si è poi allontanato, ha ricaricato l’arma, prima di raggiungere il vicino nella sala da tè dove si era rifugiato.

Nello stabilimento, in presenza di altri clienti, l’accusato ha puntato l’arma in direzione della sua vittima e gli ha sparato una volta al petto, poi tre volte alla testa. Ha lasciato la sala da tè, ha rimesso i proiettili nella sua pistola, poi è rientrato nel locale e ha sparato altri due colpi alla testa del suo amico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
4 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
5 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
5 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
6 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
7 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
Svizzera
8 ore
Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti
È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
9 ore
Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’
A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
10 ore
Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa
A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
10 ore
Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata
Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
© Regiopress, All rights reserved