laRegione
03.12.21 - 15:49
Aggiornamento: 19:26

Ingresso o rientro in Svizzera, come funziona da domani

Chi arriva o rientra dalle regioni di confine (Lombardia e Piemonte per il Ticino) non dovrà presentare il test Pcr né compilare il modulo di entrata

ingresso-o-rientro-in-svizzera-come-funziona-da-domani
Ti-Press

Il Consiglio federale ha inasprito le regole sui test in entrata in Svizzera. Se fino a oggi per le persone vaccinate o guarite è sufficiente compilare il modulo di entrata in Svizzera (Plf) e presentare il certificato Covid, da domani la situazione cambia.

Per entrare nella Confederazione da qualsiasi Paese, infatti, chiunque – e dunque anche le persone vaccinate o guarite con più di 16 anni – dovrà presentare un test Pcr (non antigenico rapido) e compilare il modulo Plf prima dell’ingresso in Svizzera. Successivamente, dovrà svolgere un secondo test entro 4-7 giorni (Pcr o antigenico rapido) e notificarne l’esito all’autorità cantonale (qui il link). Il costo di entrambi i test è a carico del viaggiatore.

Sono previste eccezioni, la più importante delle quali concerne le zone di confine: per quel che riguarda il Ticino, chi entra (o rientra) da Lombardia e Piemonte è infatti esentato dall’obbligo di test e di compilazione del Plf, così come per Trentino Alto-Adige e Valle d’Aosta. Ciò non vale, però, come ci informa l’Ufficio federale di sanità pubblica (Ufsp) se si tratta solo di un transito provenendo da altre regioni d’Italia o altri Paesi: ad esempio, se si è di rientro da una regione del Sud Italia con un volo in arrivo all’aeroporto di Milano Malpensa e si prosegue poi in treno verso il Ticino, sarà necessario compilare il Plf per quanto riguarda l’ultima tratta e sottoporsi al doppio tampone. Eccezione invece, come detto, se ci si reca in Lombardia o Piemonte per acquisti o turismo. Ovviamente, per quanto riguarda l’ingresso in Italia, valgono le norme italiane, quindi essere in possesso del certificato Covid (o Green Pass, come viene chiamato nell’Unione europea) e compilare il modulo Plf, salvo che non ci si rechi entro 60 km dal proprio domicilio per un massimo di 48 ore.

Queste, in generale, le zone considerate di confine:

  • Zone in Germania: Land Baden-Württemberg e Baviera
  • Zone della Francia: Regione Grand Est, Bourgogne-Franche-Comté e Auvergne-Rhône-Alpes
  • Zone in Italia: Regione Piemonte, Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste, Lombardia e Trentino-Alto Adige/Südtirol
  • Zone in Austria: Land Tirolo e Vorarlberg
  • Aree in Liechtenstein: l’intero Principato

Chi controlla se i test vengono eseguiti?

Quando si entra in Svizzera in aereo o in autobus, un test negativo è richiesto alla partenza. Le compagnie aeree o di autobus sono responsabili del controllo e devono informare i passeggeri dell’obbligo di sottoporsi a un test di depistaggio prima della loro partenza per la Svizzera e che solo un risultato negativo del test permetterà loro di salire sull’aereo o sull’autobus. In caso di ingresso con altri mezzi di trasporto, vengono effettuati controlli a campione alla frontiera per garantire che i viaggiatori abbiano un test negativo.

Dopo l’ingresso in Svizzera, i cantoni possono controllare la validità del test sulla base del modulo di ingresso che tutte le persone devono compilare. Allo stesso tempo, tutti gli hotel e le società di affitto di appartamenti per le vacanze sono tenuti a controllare che gli ospiti abbiano fatto il test.

Cosa succede se non è stato fatto alcun test prima di entrare in Svizzera?

Chi non può presentare un risultato negativo del test all’entrata in Svizzera è passibile di una multa da parte delle autorità di controllo alla frontiera. La persona deve anche sottoporsi al test immediatamente dopo l’ingresso in Svizzera e informare il cantone. I cantoni controllano sulla base dei dati di contatto se l’obbligo di controllo è stato rispettato. Gli alberghi e gli affittuari di appartamenti di vacanza sono obbligati a controllare i test dei loro ospiti e a informare il cantone se il test non è stato effettuato.

Per contro, vengono annullate le quarantene per i Paesi considerati a rischio per una variante preoccupante, la cui lista verrà azzerata domani. Allo stesso modo chi si trova attualmente in quarantena da rientro potrà uscire di casa ma dovrà sottoporsi al nuovo regime di test a 4-7 giorni dall’ingresso in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
friburgo
7 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
13 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
18 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
19 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
20 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
© Regiopress, All rights reserved