laRegione
01.12.21 - 11:59
Aggiornamento: 15:25

Il 35% di utenti dei media non riconosce i contenuti a pagamento

Emerge da uno studio della Scuola universitaria professionale zurighese di scienze applicate (Zhaw). Al centro dell’indagine gli articoli sponsorizzati

Ats, a cura de laRegione
il-35-di-utenti-dei-media-non-riconosce-i-contenuti-a-pagamento
Keystone

I contenuti pubblicitari confezionati in veste editoriale spesso non sono percepiti come contributi sponsorizzati nonostante l’identificazione: in un esperimento online, un buon terzo (35%) dei partecipanti non ha riconosciuto la pubblicità occulta come tale.

“A seconda della piattaforma e del tipo di marchio, fino al 60% dei partecipanti non ha notato che un articolo era un contenuto sponsorizzato”, ha indicato Guido Keel, esperto di media della Scuola universitaria professionale zurighese di scienze applicate (Zhaw), in un comunicato odierno.

Nell’esperimento Keel e il suo team hanno esaminato un campione di 1’800 persone della Svizzera tedesca e francese con lo scopo di vedere come e se riconoscevano i cosiddetti annunci nativi. Lo studio è stato cofinanziato dall’Ufficio federale delle comunicazioni Ufcom.

Con gli annunci nativi, gli inserzionisti guadagnano una nuova opportunità per catturare l’attenzione del pubblico, soprattutto perché il contenuto inserito in questo modo non è maldestramente commerciale ma giornalistico. Secondo la Zhaw, riconoscere tali contenuti sarebbe importante per la trasparenza e l’indipendenza del giornalismo.

I partecipanti allo studio erano più propensi a riconoscere tali annunci nativi se un riferimento era posto alla fine dell’articolo. Quasi altrettanto importante per il rilevamento è il modo in cui un argomento è riportato, scrivono i ricercatori, per esempio se un prodotto è descritto “in modo sproporzionatamente eccessivo o positivo”.

Sorprendentemente, lo studio ha mostrato che i partecipanti che avevano percepito un contributo come pagato non hanno necessariamente valutato il contenuto informativo e la credibilità di quest’ultimo in modo inferiore rispetto al gruppo di confronto privato del riferimento alla sponsorizzazione. Al contrario, in alcuni casi hanno persino valutato tali contributi come più informativi e credibili.

L’indagine ha anche rivelato che il marchio specifico del contenuto sponsorizzato spesso non era compreso: la metà dei partecipanti non ha capito cosa significasse “contenuto nativo”, e il 20% non sapeva classificare correttamente termini come “post a pagamento”, “sponsorizzato” o “pubblicità”. Tra il 5 e il 10% degli interrogati ha anche ritenuto che l’autore non aveva alcuna influenza sul contenuto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
2 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
20 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
21 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
23 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved