laRegione
il-nazionale-boccia-il-raddoppio-del-contributo-di-coesione-ue
Keystone
Eric Nussbaumer
01.12.21 - 11:36
Aggiornamento: 02.12.21 - 09:52

Il Nazionale boccia il raddoppio del contributo di coesione Ue

La mozione di Nussbaumer (Ps) chiedeva di aumentare i fondi versati alla Ue per garantire la partecipazione della Svizzera ai programmi di ricerca europei

Dopo il Consiglio degli Stati, oggi è il Nazionale a occuparsi, in un dibattito fiume, del preventivo 2022 della Confederazione. Fra gli oggetti discussi, anche una proposta di raddoppio del contributo di coesione versato all’Ue, bocciata dalla Camera con 93 voti a 84 e 6 astensioni.

La Commissione di politica estera raccomandava di aumentare di circa 953,1 milioni di franchi (quasi 2 miliardi in totale) i fondi versati a Bruxelles per “dare un segnale positivo” e consentire alla Svizzera di partecipare a pieno titolo ai programmi di ricerca europei. Il versamento sarebbe stato soggetto a una condizione: la firma entro la metà del 2022 dell’accordo sull’associazione della Confederazione a Orizzonte Europa, Digital Europe, ITER, Euratom ed Erasmus+.

Le Camere federali hanno già dato un segnale forte liberando il “miliardo di coesione” nella sessione autunnale, ha sottolineato Sarah Wyss (SP/BS) a nome della commissione delle finanze, che raccomandava invece la bocciatura della proposta. Oltretutto, ha aggiunto, sarebbe “inappropriato e pericoloso” versare un miliardo in un momento di incertezza dovuto alla pandemia.

Le regole non possono essere cambiate a metà partita, ha aggiunto Jacques Bourgeois (PLR/FR), secondo cui la proposta avrebbe indebolito la posizione del Consiglio federale nei negoziati con la Commissione europea e rivelandosi controproducente.

Sinistra e Verdi volevano mandare un segnale all’Ue affinché il Consiglio federale avesse “un argomento forte nelle discussioni” con Bruxelles. È nell’interesse di Berna intrattenere buone relazioni con l’Ue e per essere associata al programma Orizzonte Europa, ha spiegato invano Martina Munz (PS/SH). Roland Fischer (PVL/LU) ha deplorato il fatto che il governo, responsabile a suo avviso del “fallimento” dell’accordo quadro, rimanga in silenzio senza sapere come uscire dalla crisi.

Politica estera, 10 milioni in più

Il Nazionale ha respinto anche una serie di aggiunte al preventivo proposte dalla sinistra in ambito di politica estera. Fra queste, 33 milioni per l’aiuto umanitario in Afghanistan e 300 milioni di franchi al programma internazionale per accelerare l’accesso agli strumenti per combattere il Covid-19 (Act-A).

Solo un aumento è stato accolto: 10 milioni per la Sifem, società finanziaria della Confederazione volta al finanziamento dello sviluppo. Parallelamente, il plenum ha bocciato una serie di tagli proposti dall’Udc, come ad esempio lo stralcio di 15 milioni dai fondi destinati ai centri federali d’asilo o la riduzione degli aiuti umanitari.

Pandemia, tra risparmi e aiuti

A fare da fil rouge nell’intero preventivo 2022 sono le spese legate alla pandemia e, in particolare, se queste debbano essere registrate come straordinarie o ordinarie. A destra, in particolare nei ranghi dell’Udc, si auspica maggiore parsimonia. Al Centro e a sinistra si è invece invitato a non dimenticare i settori più colpiti dalla crisi sanitaria.

“Siamo sotto pressione, è da decenni che non ci troviamo in una situazione così stressante per il bilancio della Confederazione”, ha da parte sua messo in guardia il ministro delle finanze Ueli Maurer. “Ciononostante siamo abbastanza rilassati perché abbiamo una buona situazione di partenza”, ha aggiunto. Il Consiglio federale si attende un deficit di circa 2 miliardi di franchi, con entrate per 78,642 miliardi e spese per 80,725 miliardi. Il dibattito prosegue.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio nazionale contributo coesione svizzera ue
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 min
Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone
L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
23 min
Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi
A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
33 min
69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie
In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
48 min
Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid
Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
1 ora
Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze
Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
2 ore
Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole
Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
2 ore
La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio
La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
Svizzera
2 ore
Torna il sereno sul turismo. Ma la crisi non è alle spalle
Svizzera Turismo tira le somme della prima parte della stagione, ed è un bilancio positivo. In vista dell’autunno la prudenza resta però d’obbligo
Svizzera
3 ore
La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione
Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
Svizzera
4 ore
Dati Ilo: In Svizzera più occupati e disoccupazione in calo
La rilevazione sulla forza lavoro per il secondo trimestre 2022 dell’Ufficio internazionale del lavoro si basa su sondaggi, a differenza di quella Seco
© Regiopress, All rights reserved