laRegione
25.11.21 - 15:42

Crimine organizzato, migliorare scambio dati tra attori statali

È quanto il Consiglio federale si dice disposto a compiere in ossequio a una richiesta sottoposta dal consigliere nazionale Marco Romano

crimine-organizzato-migliorare-scambio-dati-tra-attori-statali
Ti-Press

Un’analisi per esaminare se sussiste la possibilità di adeguare la legislazione alla sfida posta dalla criminalità organizzata, in particolare le mafie italiane, puntando sullo scambio proattivo di informazioni anche con autorità diverse da quelle deputate alla repressione del crimine. È quanto il Consiglio federale si dice disposto a compiere in ossequio a una richiesta sottoposta dal consigliere nazionale Marco Romano (Centro/TI) in forma di postulato.

Romano pensa, in particolare, alla raccolta e allo scambio mirato di informazioni tra autorità di polizia e perseguimento penale cantonali e federali, nonché a informazioni provenienti da altri settori delle amministrazioni federale e cantonali utili a individuare operazioni finanziarie e commerciali riconducibili ad organizzazioni criminali internazionali.

La complessità del sistema istituzionale svizzero rappresenta talvolta un limite nella prevenzione, individuazione e lotta a complesse strutture connesse ad organizzazioni criminali internazionali (ad es. di stampo mafioso), precisa il deputato ticinese, che giustifica il suo intervento con l’ammissione da parte delle stesse autorità federali di aver sottovalutato il fenomeno dell’infiltrazione mafiosa in Svizzera.

L’esperienza di Paesi come l’Italia dimostra come il radicamento nel territorio, nel tessuto economico e sociale, con ramificazioni internazionali, necessiti di un approccio di sistema utile ad analizzare attività economiche e finanziare, tanto legali quanto illegali, con un potenziale collegamento, diretto ed indiretto, a tali organizzazioni. Nel sistema elvetico sono spesso unità amministrative cantonali a trattare pratiche (ad es. costituzioni di società, compravendite fondiarie o immobiliari, Polizia degli stranieri) che potenzialmente sono riconducibili a persone o affari con un nesso alla criminalità organizzata internazionale.

Parimenti sono le istituzioni di perseguimento penale cantonali a confrontarsi con reati minori (ad es. reati finanziari, droga, armi) che contestualizzati a livello nazionale e internazionale hanno evidenti nessi con sistemi criminosi internazionali.

Facendo riferimento ad altri interventi simili inoltrati in passato, il governo si dice disposto ad esaminare il problema sollevato. L’attenzione, precisa nella sua risposta l’esecutivo, si concentra sul diritto di segnalazione delle autorità diverse da quelle di polizia.

Attualmente, infatti, le singole autorità sono sì tenute, su richiesta della Polizia giudiziaria federale, a collaborare e a fornire informazioni, tuttavia non possono segnalare spontaneamente alla stessa istanza eventuali loro constatazioni in relazione alla criminalità organizzata, poiché non esiste un’apposita base giuridica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
8 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
8 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved