laRegione
25.11.21 - 12:17
Aggiornamento: 19:18

La sanità nel 2021 costa il 7,3% in più a causa del Covid

I costi della salute, secondo le previsioni del Centro di ricerca congiunturale (KOF) del Politecnico di Zurigo, raggiungeranno i 91 miliardi di franchi

la-sanita-nel-2021-costa-il-7-3-in-piu-a-causa-del-covid
Ti-Press

A causa della pandemia, i costi della sanità sono destinati a crescere del 7,3% nel 2021 e a raggiungere 91 miliardi di franchi. L’aumento dovrebbe affievolirsi nel 2022 (1,3%) e nel 2023 (1,2%), secondo le previsioni del Centro di ricerca congiunturale (KOF) del Politecnico di Zurigo.

In base allo studio, realizzato con un contributo di comparis.ch, l’evoluzione per il 2022 e il 2023 sarà determinata “in misura significativa dallo sviluppo presente e futuro della pandemia”, sottolinea in una nota il KOF.

Nell’intero periodo di previsione (2020-2023), l’aumento medio annuo è del 3,2%, rispetto al 3,0% degli anni 2010-2019 e al 4,0% degli anni 2000-2009.

Il rapporto tra spesa sanitaria e prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe aumentare quest’anno dal 12,0% al 12,3%, per poi diminuire leggermente nel 2022 (12,0%) e nel 2023 (11,8%).

Come la spagnola

Nel quadriennio 2020-2023, il rapporto tra spesa sanitaria e PIL è in media del 12,0%, dopo il 10,8% negli anni 2010-2019 e il 9,7% negli anni 2000-2009. Il KOF ha calcolato una spesa sanitaria di 84,8 miliardi di franchi nel 2020, di 91 miliardi nel 2021, di 92,3 miliardi nel 2022 e di 93,4 miliardi nel 2023.

“Fare previsioni è sempre legato ad elementi di incertezza”, ha sottolineato in una conferenza stampa Michael Graff, capo dell’unità di ricerca congiunturale del KOF. Le conseguenze di eventi come la pandemia di coronavirus sono difficili da valutare. E possono essere paragonate soltanto a quelle dell’influenza spagnola alla fine della Prima guerra mondiale, più di 100 anni fa.

Test anti-Covid e vaccini

Un esame del finanziamento della spesa sanitaria mostra che la pandemia di Covid-19 ha fatto lievitare nel 2020 e soprattutto nel 2021 i contributi versati dallo Stato: ciò è legato in particolare alla decisione di coprire i costi di gran parte di test anti-Covid e della fornitura di vaccini alla popolazione.

Questa tendenza è destinata ad invertirsi nel 2022 e 2023, a condizione, naturalmente, che la pandemia non richieda un maggiore impegno finanziario da parte dello Stato.

La seconda evidenza - scrive il KOF - è l’elevato contributo dei privati alla crescita delle spese sanitarie. Gran parte della spesa privata è causata dai costi dei test anti-Covid che non sono più coperti dalla Confederazione.

Questa spesa privata è quindi destinata ad aumentare significativamente quest’anno, a causa del nuovo regime introdotto questo autunno, ma dovrebbe diminuire nei prossimi anni. Sempre ammesso che la pandemia non porti nuove spiacevoli sorprese, conclude il KOF.

Comparis: niente esplosione dei premi

Comparis ha reso noto da parte sua che la pandemia “ha un impatto pesante sui costi sanitari, ma certamente non porterà a un’esplosione dei premi dell’assicurazione di base”. Le assicurazioni malattia coprono solo una parte delle spese mediche legate al coronavirus. E dispongono inoltre di riserve sufficienti.

Nel 2022, diverse casse malattia ridurranno le loro riserve e gli assicurati beneficeranno di premi più bassi. Comparis considera questa riduzione delle riserve “troppo veloce e troppo forte”, con il rischio di un “forte aumento” dei premi negli anni seguenti a causa dell’aumento dei costi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
12 ore
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
17 ore
Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato
Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
17 ore
L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo
SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior
È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’
L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
1 gior
Luce verde all’export di munizioni in Qatar
Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
1 gior
Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio
Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
1 gior
Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più
Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
1 gior
Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol
L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
1 gior
Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre
Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
© Regiopress, All rights reserved