laRegione
24.11.21 - 16:39

Dal 2022 regole più severe per gli importatori d’auto

Entrerà in vigore il prossimo 1° gennaio la revisione dell’ordinanza sul CO2, con cui si adeguano le prescrizioni in materia di emissioni

Ats, a cura de laRegione
dal-2022-regole-piu-severe-per-gli-importatori-d-auto
Ti-Press
CO2

Entrerà in vigore il prossimo 1° gennaio la revisione dell’ordinanza sul CO2, con cui si adeguano le prescrizioni in materia di emissioni per automobili, autofurgoni e trattori a sella leggeri. La modifica prevede sanzioni a carico degli importatori anche per i veicoli più inquinanti, finora esentati. Le automobili importate e messe in circolazione per la prima volta in Svizzera dovranno rispettare i valori obiettivo vigenti, scrive in una nota il Consiglio federale, che nella sua seduta odierna ha approvato l’ordinanza e decretato la data a partire dalla quale sarà effettiva. Se i veicoli generano emissioni di CO2 eccessive, per gli importatori scatterà una sanzione. Finora, ricorda il governo, essi hanno usufruito a titolo temporaneo della possibilità di dispensare una parte delle loro automobili dalla verifica del rispetto dei valori obiettivo, il cosiddetto “phasing-in”. L’esenzione interessava le auto più inquinanti del loro parco veicoli.

Questa norma è adesso abrogata e dall’anno prossimo anche queste vetture, come accade nell’Unione europea, dovranno rientrare nei tetti massimi. Inoltre, i veicoli di piccoli costruttori e di nicchia dovranno rispettare gli stessi obiettivi di emissione di CO2 delle altre marche. In concomitanza entrerà in vigore una modifica dell’ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici, che regola ora anche le emissioni di protossido di azoto. Secondo la nuova normativa, le aziende dell’industria chimica dovranno in futuro prevenire con la loro tecnologia tali emissioni. L’adattamento è stato introdotto sulla scia dell’inquinamento provocato dalla società Lonza.

Il Consiglio federale ha inoltre deciso di adeguare i parametri di calcolo per l’assegnazione gratuita di diritti di emissione in seno al sistema di scambio di quote di emissioni. La Svizzera fa così suoi i parametri dell’Ue, al fine di consentire a tutti i partecipanti condizioni eque. Infine, come già noto dall’estate, a partire dal 2022 la tassa sul CO2 sarà portata da 96 a 120 franchi per tonnellata. L’aumento automatico è già previsto nell’ordinanza vigente, dato che l’obiettivo intermedio che prevedeva per il 2020 una riduzione del 33% delle emissioni di CO2 dei carburanti fossili rispetto al 1990 non è stato raggiunto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
16 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
17 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
19 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved