laRegione
berset-per-ora-nessuna-misura-ulteriore
Keystone
Alain Berset durante la conferenza stampa
coronavirus
18.11.21 - 18:12
Aggiornamento : 18:41

Berset: ‘Per ora nessuna misura ulteriore’

Aumentano i casi, ma nelle cure intensive l’incremento è moderato. Gli esperti: ‘Importante vaccinarsi’

Ats, a cura de laRegione

Al momento non sono necessarie ulteriori misure per far fronte al coronavirus. Lo ha affermato oggi in conferenza stampa il consigliere federale Alain Berset precisando che il futuro “dipenderà dal comportamento di ognuno di noi”.

“Stiamo chiaramente affrontando la quinta ondata”, ha detto il ministro della sanità al termine di un incontro con i membri della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds). I dati sui contagi sono nettamente aumentati nelle ultime settimane, in particolare nella Svizzera centrale e orientale. Da metà ottobre anche il numero dei ricoveri è in aumento, ma più lentamente. Nelle cure intensive l’incremento è solo moderato.

Per Berset è rassicurante il fatto che sono soprattutto i giovani a essere contagiati poiché per loro la probabilità di avere una malattia con decorso grave è inferiore. È invece più preoccupante, visto l’arrivo della stagione fredda, il fatto che il numero di casi positivi raddoppia ogni due settimane. “Il numero di adulti che non hanno un’immunità è ancora troppo elevato”, afferma il consigliere federale.

“Si vedrà nei prossimi giorni e settimane se il tasso di vaccinazione e le misure adottate saranno sufficienti per evitare di sovraccaricare il sistema sanitario”, ha sostenuto da parte sua il presidente della Cds Lukas Engelberger. A preoccupare è anche lo sfinimento e l’assenteismo del personale di cura.

Non è quindi escluso un inasprimento puntuale in determinati cantoni dei provvedimenti contro il virus, ha aggiunto. Engelberger ha fatto l’esempio degli accessi agli ospedali, alle case anziani e delle scuole. “Ogni cantone deve assumersi le proprie responsabilità e aumentare la protezione”, ha affermato.

Per il momento tuttavia il certificato sanitario continuerà a essere rilasciato a tutte le persone “Tgv" (testate, guarite o vaccinate). Durante l’incontro non è stato discusso di un eventuale passaggio al dispositivo chiamato in tedesco 2G (ossia “geimpft e genesen”, vaccinati e guariti), ha precisato Engelberger affermando di “non auspicare” questo passo.

Il confinamento delle persone non vaccinate, come avviene in Austria, non è all’ordine del giorno, ha aggiunto Berset. “Vogliamo evitare di tornare a misure più restrittive di quelle attuali e a ulteriori chiusure. Speriamo di poter controllare l’evoluzione della situazione con le misure attuali”, ha sostenuto il ministro della sanità.

La priorità va data alla riduzione del numero di persone non vaccinate, allo scopo di limitare la circolazione del virus. Durante l’offensiva della scorsa settimana sono state inoculate 35’000 prime dosi. Attualmente, il 65% della popolazione è completamente vaccinato (il 74% di chi ha più di 12 anni).

Berset si è anche espresso sulla terza dose di vaccino: negli over 65 la protezione contro un decorso complicato della malattia diminuisce dal 90 all’80% sei mesi dopo la seconda dose. La terza iniezione permette di ripristinare l’immunità. Tra i più giovani invece la protezione rimane superiore al 90%, precisa il ministro della sanità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo
La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
13 ore
Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera
Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
15 ore
Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc
Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
17 ore
Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese
I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
19 ore
Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum
Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
19 ore
Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista
L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
20 ore
Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef
L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
1 gior
Princìpi e realtà, la Migros a un bivio
I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
1 gior
‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’
È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 gior
Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare
La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
© Regiopress, All rights reserved