laRegione
nel-2020-il-tempo-di-lavoro-e-diminuito-di-6-4-giorni
Ti-Press
18.11.21 - 13:15
Aggiornamento: 14:42
Ats, a cura de laRegione

Nel 2020 il tempo di lavoro è diminuito di 6,4 giorni

Lo comunica l’Ufficio federale di statistica. Maggiormente colpiti i settori alberghiero e della ristorazione, con un calo del 22,2%

Nel 2020, il primo anno segnato dalla pandemia di Covid-19, il tempo di lavoro è diminuito in media di 6,4 giorni pro capite rispetto all’anno precedente. Il dato corrisponde pressoché alla riduzione del volume di lavoro registrata nei nove anni prima. Il fenomeno è stato particolarmente marcato nei settori alberghiero e della ristorazione, con un calo del lavoro del 22,2%.

Nel decennio dal 2010 al 2020, la durata annuale effettiva di lavoro per persona occupata è diminuita in media di 13,8 giorni. Negli anni precedenti la pandemia, la riduzione può essere spiegata in particolare dall’aumento del lavoro a tempo parziale, delle vacanze e dal calo degli straordinari, indica oggi l’Ufficio federale di statistica (UST) in una pubblicazione ad hoc intitolata “Evoluzione delle durate del lavoro dal 2010 al 2020”, disponibile in tedesco e francese.

Tra il 2019 e il 2020, invece, il calo è dovuto principalmente al lavoro ridotto e ad “altri motivi” – per esempio la quarantena o le restrizioni commerciali per i lavoratori indipendenti nel contesto della crisi sanitaria.

Colpisce la discrepanza tra uomini e donne: i primi hanno lavorato circa 18,5 giorni in meno nel 2020 rispetto al 2010, mentre le seconde hanno avuto solo sette giorni liberi in più. La differenza è dovuta principalmente agli anni prima della pandemia. Nel 2020, le ore di lavoro sono diminuite in modo analogo per entrambi i sessi.

Secondo l’UST, il fatto che le ore di lavoro siano diminuite più significativamente per gli uomini che per le donne negli ultimi dieci anni è dovuto al maggiore aumento del lavoro a tempo parziale tra i maschi. Le donne hanno sempre lavorato molto a tempo parziale, soprattutto per motivi familiari.

Stranieri meno occupati nel 2020

Anche la nazionalità è determinante: prima del Covid-19, il volume di lavoro dei cittadini svizzeri è diminuito di 8,7 giorni, contro 6,5 giorni per gli stranieri.

Nel primo anno dell’epidemia la situazione si è invertita: nel 2020, il tempo di lavoro degli stranieri è diminuito di 10,1 giorni, mentre quello degli svizzeri di meno della metà (4,6 giorni). In tutti i dieci anni, la differenza si è quasi livellata e ammonta a solo 1,2 punti percentuali.

Differenzia anche il modello di attività: durante l’intero decennio, il volume di lavoro degli indipendenti è diminuito di 20,5 giorni, contro 13,1 giorni pro capite tra i dipendenti. Prima della pandemia, la differenza si riduceva di anno in anno; nel 2020, il divario si è allargato di nuovo.

Calo più forte in alberghi, ristoranti e cultura

A distinguere l’andamento concorre in modo determinante anche il ramo economico. Prima del Covid-19, il tempo di lavoro è diminuito più della media nella cultura, nell’agricoltura, nella selvicoltura e nell’amministrazione pubblica. Al contrario, nei settori “trasporti e stoccaggio”, “costruzione” e “attività industriale/fornitura di energia”, nel 2020 il volume di lavoro è risultato analogo a quello di un decennio prima.

Nel primo anno di pandemia, le discrepanze sono aumentate considerevolmente: “Strutture ricettive e ristorazione” hanno registrato un calo del volume di lavoro del 22,2% rispetto al 2019; nella cultura la contrazione ha raggiunto quasi il 10% e nelle imprese dei settori “trasporti e stoccaggio” e “commercio e riparazione” le ore di lavoro sono diminuite rispettivamente del 5,4% e 4,6%.

Italia, Francia e Austria hanno sofferto di più nel 2020

Nel confronto internazionale, il volume di lavoro tra il 2010 e il 2020 è diminuito in modo analogo in Svizzera, con un -7,2%, e nell’Unione europea (Ue, -7,3%). Il calo è invece più marcato nell’eurozona (-8,3%) e in tre paesi limitrofi – Italia (-12,3%), Austria (-9,8%) e Francia (-9,0%). La Germania ha invece registrato un -6,6%.

L’effetto della crisi sanitaria sulle ore di lavoro in Svizzera è stato meno marcato che nell’Ue (-3,4% contro -5,0%) e nei paesi limitrofi. Tuttavia, il calo più pronunciato nella Confederazione tra il 2010 e il 2019 (-3,9% contro -2,4% nell’Ue) porta a una diminuzione della stessa entità in dieci anni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alberghiero ore lavoro ristorazione tempo tempo lavoro ufficio federale statistica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni
Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
Svizzera
7 ore
Batosta in vista sui premi di cassa malati nel 2023
Secondo uno studio di Accenture, per coprire l’aumento dei costi della salute, in Ticino si prevede un balzo in avanti di circa il 10%
Svizzera
7 ore
Con la procedura agevolata centinaia di domande di cambio sesso
Con la riforma entrata in vigore a inizio anno per il cambiamento di sesso nel registro di stato civile non è più necessario passare da un giudice
Svizzera
9 ore
Dopo i problemi iniziali, i bipiano Ffs ora molto affidabili
All’inizio i convogli Alstom-Bombardier, il più grande appalto di sempre delle Ffs, avevano problemi di accessibilità e tecnici, in gran parte risolti
Svizzera
9 ore
Il presidente di ElCom ribadisce: possibili blackout in inverno
Werner Luginbühl, che presiede la Commissione federale dell’energia elettrica, accusa i politici di non aver ‘preso sul serio’ gli avvertimenti
Svizzera
9 ore
Maillard (Uss): disordini sociopolitici senza aumento dei salari
Il presidente dell’Unione sindacale svizzera paventa conseguenze disastrose per il mercato del lavoro e i consumi senza aumenti salariali
Svizzera
11 ore
Energia, in Svizzera aiuti economici ‘né necessari né utili’
Secondo Eric Scheidegger, capo della Direzione politica economica della Segreteria di Stato dell’economia, la Confederazione è meno colpita dal problema
Svizzera
1 gior
Povertà, in Svizzera poca differenza tra campagna e città
Sono colpite principalmente donne, famiglie monoparentali e persone con un basso livello d’istruzione
Svizzera
1 gior
Barbabietola da zucchero, previsto raccolto superiore alla media
Ha beneficiato di una primavera calda e secca. La coltura potrebbe però ridursi se nelle prossime non ci sarà sufficiente pioggia.
Svizzera
1 gior
Caldo, alluvioni... ecco come funziona il sistema di allerta
Nel caso degli avvisi meteorologici non tutti i livelli di pericolosità sono definiti per ogni fenomeno.
© Regiopress, All rights reserved