laRegione
17.11.21 - 12:37
Aggiornamento: 17:54

Odio social, il Consiglio federale studia una regolamentazione

Berna valuta l’opportunità di regolamentare piattaforme come Facebook e YouTube per fermare i discorsi di odio e la disinformazione in rete

Ats, a cura de laRegione
odio-social-il-consiglio-federale-studia-una-regolamentazione
Keystone
Un’immagine ravvicinata dello slogan della campagna ‘StopHateForProfit’ contro la gestione da parte del gigante tecnologico americano di commenti di odio e contenuti sprezzanti nei suoi servizi

In Svizzera è necessario un maggior controllo su internet dei discorsi d’odio e della dilagante disinformazione che circola in rete. È quanto sostiene il Consiglio federale, che sta valutando l’idea di regolamentare in futuro le piattaforme come Facebook e YouTube. L’obiettivo è anche quello di rafforzare i diritti degli utenti e affrontare le pratiche commerciali non trasparenti.

A tal proposito, l’esecutivo ha incaricato il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) di presentare entro la fine del 2022 un documento di discussione sull’opportunità di regolamentare queste piattaforme di comunicazione e sulle eventuali modalità, indica un comunicato governativo odierno.

Le piattaforme di comunicazione come i motori di ricerca (ad esempio Google, i social network - come Twitter e Facebook - oppure le piattaforme multimediali (pensando a YouTube) sono utilizzate da gran parte della popolazione in Svizzera e guadagnano sempre più importanza nella formazione delle opinioni, ma non sottostanno ad alcuno standard giornalistico. La disinformazione è quindi dilagante, poiché le piattaforme non hanno alcun obbligo di garantire la veridicità dei contenuti pubblicati. Dall’altro lato però questi nuovi media offrono opportunità per un’ulteriore democratizzazione della comunicazione pubblica.

“Stando ai sondaggi, la popolazione svizzera teme di essere confrontata con un numero crescente di notizie false - le cosiddette fake news - sui social network e sui portali video”, spiega il Consiglio federale. Per arginare questo fenomeno, diversi studi commissionati dall’Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) sono giunti alla conclusione che la popolazione abbia diritto a una protezione efficace contro i discorsi di odio e la disinformazione, e che i diritti degli utenti devono essere meglio protetti anche nei confronti delle piattaforme. Nei confronti di queste ultime, già in Europa e negli Stati Uniti si sta vagliando l’ipotesi di imporre diversi obblighi di diligenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
11 ore
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
11 ore
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
11 ore
Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina
Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
12 ore
Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali
Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
12 ore
Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento
La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
13 ore
‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’
Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
14 ore
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
16 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
17 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
© Regiopress, All rights reserved