laRegione
testa-umana-nel-bosco-una-55enne-incriminata-per-omicidio
Keystone
Turgovia
12.11.21 - 14:37
Ats, a cura de laRegione

Testa umana nel bosco, una 55enne incriminata per omicidio

Il macabro ritrovamento nel bosco di Egnach a dicembre 2020. La donna, che ha già ammesso di aver sparato alla vittima, rischia 18 anni di carcere

Nel caso dei resti umani ritrovati nel bosco di Egnach (TG) nel dicembre 2020 la Procura di Kreuzlingen ha ufficialmente incriminato la 55enne presunta colpevole. La donna dovrà rispondere di omicidio intenzionale e perturbamento della pace dei morti.

Il Ministero pubblico ha richiesto per la donna una pena detentiva di 18 anni, è stato comunicato oggi al termine delle indagini. Dopo la pena, dovrà inoltre lasciare il Paese per 15 anni.

La donna è stata arrestata in seguito al ritrovamento dei resti di una 62enne svizzera nel bosco di Egnach. La vittima e la sospettata vivevano nella stessa casa, luogo in cui la polizia ha trovato anche un’arma.

L’imputata ha già ammesso di aver sparato alla 62enne il 29 ottobre a Bottighofen (TG) e si trova in detenzione preventiva. L’accusata era la padrona di casa della vittima. Secondo le ricostruzioni, il colpo è stato sparato nella cantina dell’abitazione. L’autrice del delitto ha poi dissezionato il corpo, gettando le parti in diversi container interrati. La testa è invece stata abbandonata in un bosco.

La 62enne risultava scomparsa proprio dal 29 ottobre. La donna aveva parcheggiato nei pressi di un Percorso Vita a circa 20 chilometri da dove è stata poi ritrovata. Il 5 dicembre, ai margini del bosco “Sangehölzli” di Egnach (TG), dei passanti avevano trovato la testa della vittima, che presentava una ferita da arma da fuoco.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
egnach omicidio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
44 min
Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali
Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
1 ora
Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata
L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
1 ora
Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare
La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
1 ora
Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo
L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
2 ore
Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede
È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
2 ore
La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni
Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
Svizzera
2 ore
La Confederazione si prepara a una penuria di gas
Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente
Svizzera
2 ore
Identità elettronica, avviata la consultazione
Il Consiglio federale ci riprova: dopo il secco ‘no’ alle urne, propone un nuovo Id-e emesso che ‘garantirà la massima protezione dei dati’
Svizzera
4 ore
Preventivo 2023: eccedenza di 0,3 miliardi ma nubi all’orizzonte
Dal 2024 in poi le direttive del freno all’indebitamento non potranno essere rispettate e sarà quindi necessario adottare contromisure.
Svizzera
5 ore
Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’
Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità
© Regiopress, All rights reserved