laRegione
dieselgate
09.11.21 - 21:55

Verso l’archiviazione il procedimento contro Vw e Amag

Scandalo emissioni: il Ministero pubblico della Confederazione intende fermarsi per mancanza di basi legali

Ats, a cura de laRegione
verso-l-archiviazione-il-procedimento-contro-vw-e-amag
Un motore diesel Volkswagen (Keystone)

Il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) intende archiviare, per mancanza di basi legali, il suo procedimento contro Volkswagen e l’importatore generale del marchio tedesco di automobili Amag in relazione allo scandalo delle emissioni.

“In seguito alle indagini finora condotte il Mpc è giunto provvisoriamente alla conclusione che dal punto di vista penale non esistano basi legali sufficienti per un decreto d’accusa o un rinvio a giudizio”, ha indicato oggi la procura federale all’agenzia Awp dopo che ne aveva parlato la radio svizzero-tedesca SRF.

Il MPC aveva aperto il procedimento nel dicembre 2016, tra l’altro per presunta truffa per mestiere. Vw e Amag erano accusati di essere stati parzialmente a conoscenza delle manomissioni dei dati dei gas di scarico prima che la casa automobilistica le ammettesse ufficialmente, e quindi di aver danneggiato circa 175’000 acquirenti e locatari in leasing in Svizzera tra il 2008 e il 2015.

Una domanda di assistenza giudiziaria trasmessa nel 2017 al ministero pubblico di Braunschweig, nel Land tedesco della Bassa Sassonia, dove Vw ha la propria sede, non ha mai ricevuto risposta, ha ricordato oggi il Mpc. Da parte sua Amag ha sempre cooperato e ha consegnato alla procura federale oltre 1 terabyte di dati: questi sono stati dapprima analizzati con parole e combinazioni chiave e in seguito i risultati delle ricerche sono stati scandagliati manualmente, quindi con grande dispendio, per verificare se contenessero prove utili. Anche l’epidemia di Covid-19 ha rallentato il procedimento: l’interrogatorio di un rappresentante di AMAG previsto per lo scorso autunno ha dovuto essere rinviato, ha indicato il Mpc.

Prima della decisione definitiva di archiviazione accusati e denuncianti privati possono ancora esprimersi e sottoporre ulteriori proposte di prova, ha spiegato ancora la procura federale, ricordando che “per tutte le parti coinvolte vale la presunzione d’innocenza”.

L’associazione svizzero-tedesca dei consumatori Sks non è entusiasta: “naturalmente sarebbe importante trovare il colpevole. Si tratterebbe di un segnale importante per il pubblico. Il fatto che non sia stato trovato nulla non è per niente bello e nemmeno utile quando in realtà andrebbero versati dei risarcimenti”, ha affermato la direttrice Sara Stalder.

La stessa Stiftung für Konsumentenschutz aveva intentato un’azione per risarcimento di danni nel 2017 contro Vw e Amag, ma nel 2020 il Tribunale federale ha negato alla fondazione la legittimità ad agire a nome degli automobilisti danneggiati.

In ogni caso, nonostante il fallimento di questa causa e l’imminente archiviazione dell’inchiesta da parte del Mpc gli acquirenti interessati possono sempre reclamare risarcimenti davanti alla giustizia civile. Negli Stati Uniti e in Germania Vw ha già versato miliardi. Ma fare causa da solo contro una grande azienda è molto difficile, costoso e rischioso per un singolo privato, ha ricordato la Stalder all’Awp.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
14 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
16 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
18 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
19 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
20 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved