laRegione
laR
 
04.11.21 - 20:11

Il Covid ha accentuato le disparità socioeconomiche in Svizzera

La Piattaforma nazionale contro la povertà stila un bilancio. Le persone con bassi redditi risultano più vulnerabili anche sul piano sanitario e sociale.

il-covid-ha-accentuato-le-disparita-socioeconomiche-in-svizzera
Keystone
Ginevra, maggio 2020: in fila per ricevevere aiuti alimentari

In che misura la pandemia di Covid-19 ha aggravato la povertà e rafforzato le disparità socioeconomiche in Svizzera? A questa domanda hanno cercato di dare una risposta gli autori di un rapporto appena pubblicato dalla Piattaforma nazionale contro la povertà, che dalla primavera dello scorso anno monitora i progetti di ricerca sul tema. L’analisi evidenzia come la pandemia – e le misure disposte per farvi fronte, come le chiusure di molte attività – abbia in effetti accentuato le disparità socioeconomiche, almeno temporaneamente. In altre parole: sono state le persone con redditi bassi ad aver subito le perdite di reddito più pesanti (in termini relativi) e ad aver dovuto attingere più spesso ai propri risparmi.

Da questo primo bilancio dell’attività di monitoraggio (stato: fine luglio 2021) emerge “un quadro complesso”, scrive nella premessa Astrid Wütrich, videdirettrice dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas). Ad esempio: era lecito attendersi un aumento dei beneficiari dell’aiuto sociale, eppure il loro numero è rimasto pressoché invariato. Almeno sin qui. Bisognerà vedere poi cosa succederà quando termineranno gli aiuti messi in campo da Confederazione, cantoni e comuni.

Diverso impatto delle misure anti-coronavirus

Il rapporto indica che, in media, le perdite subite sia dai salariati che dagli indipendenti in termini di reddito o di sostanza sono tanto più elevate quanto più queste risorse erano basse nel periodo pre-pandemia. La ragione principale è che le restrizioni anti-coronavirus hanno limitato l’esercizio dell’attività lavorativa in misura più marcata nelle fasce inferiori di reddito rispetto a quelle superiori. Le persone con redditi modesti si sono ritrovate più spesso in una situazione di lavoro ridotto e hanno potuto beneficiare meno del telelavoro, si legge nel rapporto. Nello stesso periodo, le spese delle economie domestiche più benestanti sono diminuite maggiormente – anche per le minori possibilità di consumo – rispetto a quelle delle economie domestiche meno abbienti.

Più arduo risulta capire l’impatto che la pandemia ha avuto sulla povertà. Quel che è certo è che la domanda di aiuti alimentari è fortemente aumentata. Ciò vale soprattutto per le persone con una situazione lavorativa irregolare (senza permesso di lavoro o con permesso di lavoro di breve durata), che hanno perso del tutto o in parte il loro reddito. Gli autori del rapporto menzionano in particolare i sans-papiers e le lavoratrici del sesso. “La pandemia – si legge nello studio – ha aggravato notevolmente condizioni di vita già precarie, soprattutto nel caso di persone e famiglie che in condizioni normali riescono a sbarcare il lunario, ma che non hanno diritto a prestazioni delle assicurazioni sociali né dell’aiuto sociale, o che non vi fanno ricorso”. Spesso queste persone hanno cercato di superare le difficoltà svolgendo lavori occasionali, vendendo beni personali oppure indebitandosi.

Vulnerabilità sanitaria e sociale

Il rapporto valuta poi l’impatto della pandemia sulla salute, sugli anziani, le relazioni sociali e la vita familiare. Mette in evidenza, tra l’altro, come i rischi di ammalarsi di Covid-19, di essere ricoverati in ospedale o di morire per le conseguenze della malattia sono aumentati nelle fasce di reddito inferiori. Non a caso, dato che le persone meno abbienti vivono più spesso in spazi abitativi ristretti, hanno potuto ridurre in minor misure gli spostamenti ed esercitano più di frequente professioni a diretto contatto con la clientela. Anche l’aumento dei problemi psichici, così come i sentimenti di solitudine tra gli anziani, sono stati più marcati tra le persone con redditi bassi.

La pandemia, infine, ha mostrato quanto sia importante garantire il flusso di informazioni e aiuti di vario tipo anche verso persone difficili da raggiungere. Quattro le raccomandazioni: adeguare i canali di comunicazione digitale ai diversi gruppi di destinatari e potenziare le competenze degli specialisti; permettere alle persone finora rimaste escluse di accedere all’infrastruttura digitale; coinvolgere persone di riferimento locali che fungano da ‘moltiplicatori’; garantire un accesso a bassa soglia ad aiuti alimentari, prestazioni sanitarie e alloggio, nonché rendere accessibili pure ai sans-papiers le prestazioni essenziali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 min
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
35 min
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
3 ore
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
5 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
7 ore
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior
In autostrada al massimo a 100 all’ora
È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
1 gior
Il Parlamento converge... sul solare
Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
1 gior
Aborto: 20 anni di regime dei termini
Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior
Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%
A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior
Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.
Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
© Regiopress, All rights reserved