laRegione
ristorante-anti-pass-covid-niente-carcere-preventivo
Keystone
I tre esercenti tornano a piede libero
04.11.21 - 12:00
Aggiornamento: 19:31

Ristorante anti-pass Covid, niente carcere preventivo

Il Tribunale delle misure coercitive respinge la domanda del Ministero pubblico. ‘Nessun motivo particolare’ per tenere dentro i tre esercenti di Zermatt

Zermatt – Niente carcere preventivo per i tre esercenti del ristorante Walliserkanne di Zermatt (Vs), che si sono rifiutati di rispettare l’obbligo di certificato Covid e la chiusura del locale imposta dalle autorità. Il Tribunale delle misure coercitive ha respinto la domanda del Ministero pubblico.

Nella decisione pubblicata oggi, la corte ammette che esistono forti sospetti che gli imputati abbiano commesso numerose infrazioni. Tuttavia, non si riscontra alcun motivo particolare per giustificare un simile tipo di incarcerazione. Il Ministero pubblico vallesano ha deciso che non farà ricorso.

Per i tre gestori – una coppia e il figlio – domenica mattina erano scattate le manette, poiché si erano rifiutati a più riprese di applicare l’obbligo di certificato Covid all’entrata del ristorante e avevano ignorato la decisione di venerdì del Consiglio di Stato relativa alla chiusura dell’esercizio.

Tale misura era stata resa pubblica con cartelli e le entrate erano state bloccate con blocchi di cemento, dettaglio che ha fatto balzare la questione agli onori della cronaca. Il ristorante ha però proseguito l’attività imperterrito, improvvisando persino un bar sui blocchi.

La questione ha acceso gli animi degli oppositori alle misure anti-coronavirus: domenica si è svolta una manifestazione a Zermatt e i giovani Udc hanno criticato l’azione della polizia, parlando di atteggiamenti da Stato dittatoriale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carcere preventivo covid ministero pubblico ristorante tribunale zermatt
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
25 min
Rissa fra tifosi di Young Boys e Anderlecht, feriti e danni
La lite è avvenuta davanti a un bar nella Kornhausplatz di Berna. Durante la zuffa, i mobili dell’esercizio pubblico sono stati danneggiati
Svizzera
59 min
Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone
L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
1 ora
Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi
A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
1 ora
69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie
In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
1 ora
Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid
Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
2 ore
Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze
Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
3 ore
Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole
Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
3 ore
La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio
La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
Svizzera
3 ore
Torna il sereno sul turismo. Ma la crisi non è alle spalle
Svizzera Turismo tira le somme della prima parte della stagione, ed è un bilancio positivo. In vista dell’autunno la prudenza resta però d’obbligo
Svizzera
4 ore
La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione
Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
© Regiopress, All rights reserved