laRegione
02.11.21 - 16:07
Aggiornamento: 18:28

Raddoppiati gli attacchi informatici in Svizzera

Nel primo semestre dell’anno segnalate numerose ondate di ‘fake sextortion’ o ‘phishing’ al Centro nazionale per la cibersicurezza

raddoppiati-gli-attacchi-informatici-in-svizzera
Keystone
Ciberattacchi sempre più frequenti anche in Svizzera

Berna – Nella prima metà del 2021, il Centro nazionale per la cibersicurezza (NCSC) ha ricevuto 10’234 segnalazioni, quasi il doppio rispetto ai primi sei mesi del 2020. Questa forte crescita - scrive oggi l’NCSC in una nota - è da ricondurre all’introduzione di un nuovo modulo di segnalazione, ma anche alle numerose ondate di “fake sextortion” o “phishing”.

Nel primo caso, i ricattatori spediscono alle vittime delle e-mail in cui minacciano, in caso di mancato pagamento di un riscatto, di pubblicare foto compromettenti a sfondo sessuale. Il “phishing” è invece l’acquisizione illegale di dati personali attraverso falsi siti web, e-mail o messaggini.

I casi di phishing segnalati all’NCSC sono passati da 497 a 2’439 nel periodo preso in considerazione. L’impennata “è da ricondurre innanzitutto al maggior numero di segnalazioni concernenti e-mail e SMS fraudolenti che annunciavano l’arrivo di un pacco, particolarmente frequenti negli ultimi mesi”.

False chiamate da Microsoft

Altri tipi di ciberattacchi includono in particolare le cosiddette “truffe del CEO” e le false chiamate di assistenza (“fake support”). Una truffa del CEO comporta una richiesta urgente di pagamento da parte del capo o del presidente di una società, che di solito non può essere raggiunto per telefono.

Nelle false chiamate di assistenza, una persona finge di essere un dipendente di un’azienda IT e afferma che il computer è infettato ed è necessario installare un software. Nella maggior parte dei casi chi chiama finge di essere un tecnico di Microsoft.

“Attualmente - si legge ancora nella nota - i truffatori attirano le vittime con la promessa di enormi guadagni grazie a investimenti in criptovalute”.

Colpisce inoltre l’elevato numero di casi di trojan di crittografia, i cosiddetti “ransomware”. Il loro numero è triplicato, passando dai 32 casi segnalati nel primo semestre del 2020 ai 94 del periodo in esame. L’aumento - scrive l’NCSC - è da ricondurre principalmente al ransomware «Qlocker», che ha colpito soprattutto i privati prendendo di mira i sistemi di archiviazione di rete di QNAP.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
7 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
9 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
12 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
14 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved