laRegione
02.11.21 - 15:44
Aggiornamento: 18:42

In Svizzera aumentano i casi, incerta l’evoluzione ospedaliera

Il numero di ricoveri in cure intense è stabile. Negli over 80 il vaccino evita il ricovero nell’84% dei casi, nella fascia 60-69 nel 93% dei casi

Ats, a cura de laRegione
in-svizzera-aumentano-i-casi-incerta-l-evoluzione-ospedaliera
Keystone
Virginie Masserey dell’Ufsp

I casi di Covid aumentano nuovamente da due settimane, ma il numero di ricoveri in terapia intensiva è stabile. Al momento non è quindi possibile prevedere quale sarà l’impatto sul sistema ospedaliero nelle prossime settimane, ha detto Virginie Masserey, responsabile della sezione controllo delle infezioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) durante il tradizionale incontro con la stampa.

L’aumento dei casi non è sorprendente visto il calo delle temperature, ha aggiunto Masserey. Nelle ultime due settimane il numero di infezioni si situa fra 1’500 e 2’000 al giorno. L’incidenza della malattia si attesta a circa 230 casi ogni 100’000 abitanti ed è superiore a quella registrata in Italia e in Francia, ma inferiore rispetto ad altri Paesi europei.

Il numero dei ricoveri è stabile e quello dei pazienti Covid in terapia intensiva pure, ma sappiamo che c’è generalmente un ritardo di qualche settimana fra l’incremento dei casi e quello delle ospedalizzazioni, ha aggiunto la rappresentante dell’UFSP. Ci sono però troppe variabili per stimare l’impatto futuro sugli ospedali.

Paragonando il dato dei pazienti ricoverati con il numero delle persone vaccinate e non, emerge che fra gli over 80 anni i vaccinati hanno sei volte meno probabilità di finire in ospedale. Nell’84% dei casi quindi il vaccino evita un ricovero. Nella fascia di età 60-69 la percentuale sale al 93%.

Per la specialista del controllo delle infezioni è impossibile dire per quanto tempo il Covid sarà ancora in circolazione. “Il coronavirus può persistere per altri 10 o 20 anni - come altri virus. Ma ora sappiamo come affrontarlo e limiterà meno le nostre vite in futuro”, ha detto.

Masserey ha quindi invitato nuovamente la popolazione a farsi vaccinare. Al momento, ha detto, solo il 75% delle persone di 12 anni e più, pari al 64% della popolazione totale, ha ricevuto almeno una dose. “Non è abbastanza” ed è quindi necessario mantenere le attuali misure di protezione, che evitano anche altre malattie respiratorie, come ad esempio l’influenza stagionale, ha aggiunto.

Durante la settimana nazionale di vaccinazione sono in programma azioni in farmacie, musei, centri commerciali o in occasione di eventi, ha ricordato Rudolf Hauri, presidente dell’Associazione dei medici cantonali svizzeri. Non sono stati fissati obiettivi per il numero di vaccinazioni e una valutazione della campagna potrà essere effettuata solo a posteriori. “Speriamo che il maggior numero possibile di persone si faccia avanti”, ha aggiunto.

I test ripetuti nelle scuole attualmente mostrano un nuovo aumento dei casi. I contagi avvengono fra alunni e nelle famiglie. Si osservano anche focolai nelle case per anziani e in occasioni di feste, che però possono essere contenuti.

I cantoni si stanno organizzando per la somministrazione della vaccinazione di richiamo, soprattutto per le persone oltre i 65 anni. “Stiamo aspettando le raccomandazioni su come procedere con i booster per le altre persone”, ha aggiunto Hauri.

Quanto al vaccino Johnson&Johnson, finora sono state somministrate poco meno di 22’000 dosi. “Non sembra quindi essere un’alternativa interessante per le persone più scettiche sui vaccini”, ha detto Masserey.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 min
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 ora
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
2 ore
Pietra tombale sull’autonomia del Governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
© Regiopress, All rights reserved