laRegione
02.11.21 - 12:32
Aggiornamento: 14:19

Stupro coniugale, il Tribunale federale respinge il ricorso

Confermata la condanna a 3 anni di cui uno da scontare per un uomo che aveva violentato sua moglie dopo averla picchiata regolarmente per anni

Ats, a cura de laRegione
stupro-coniugale-il-tribunale-federale-respinge-il-ricorso
Ti-Press

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un kosovaro condannato a 3 anni di prigione, di cui uno da scontare, e all’espulsione dalla Svizzera. L’uomo aveva violentato sua moglie, che aveva terrorizzato e brutalizzato per anni, durante la notte di Natale 2018.

Il tribunale di Ginevra lo ha dichiarato colpevole di lesioni personali semplici, aggressione, insulti e minacce, coazione sessuale e stupro, reati contro le leggi sugli stupefacenti e le armi, nonché di residenza e lavoro illegale. La pena detentiva è stata integrata da una pena pecuniaria e una multa di 1’000 franchi. Il kosovaro è stato anche condannato a pagare 5’000 franchi di risarcimento per il danno morale causato a sua moglie.

Oltre allo stupro nel dicembre 2018, la Corte di giustizia di Ginevra ha scoperto che l’uomo aveva regolarmente picchiato la moglie dal 2010. Alla fine del 2018, era stato anche coinvolto nel traffico di cocaina e aveva agito come intermediario nella vendita di manganelli telescopici soggetti alla legge sulle armi.

La moglie molto più credibile

In una sentenza pubblicata martedì, la Corte federale ha respinto i reclami dell’appellante. I giudici di Ginevra hanno fatto bene a basarsi sulla versione della vittima, molto più credibile di quella del marito. Dopo i fatti, si era rifugiata da suo fratello, era andata in ospedale e aveva presentato una denuncia nonostante il suo status precario in Svizzera.

Per quanto riguarda l’espulsione, i giudici di Mon Repos non hanno allo stesso modo dato seguito alle affermazioni dell’appellante, che ha parlato di un “verosimile sradicamento”. Anche se il resto della famiglia dovesse essere autorizzato a rimanere in Svizzera - la decisione in merito è sospesa in attesa dell’esito del presente ricorso - un ritorno in Kosovo non comporterebbe una separazione insormontabile dalle sue tre figlie, visti i mezzi di comunicazione e le possibilità di spostamento a loro disposizione.

Al contrario, la Corte di diritto penale ritiene che l’interesse pubblico all’espulsione superi di gran lunga l’interesse privato del ricorrente a rimanere in Svizzera. Aveva attaccato l’integrità fisica e sessuale di sua moglie, che aveva anche insultato e minacciato. Infine, i reati relativi alle droghe e alle armi hanno mostrato “un completo disprezzo per il sistema giuridico svizzero”.

(sentenza 6B_94/2021 del 29 settembre 2021)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
37 min
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
54 min
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
1 ora
‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’
A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
2 ore
Dopo l‘addio di Maurer in casa Udc parte il ’toto-nome’
Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
21 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
2 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
© Regiopress, All rights reserved