laRegione
01.11.21 - 18:05
Aggiornamento: 19:59

F-35: delegazione svizzera vola negli Usa per discuterne

La Commissione di politica estera del Consiglio degli Stati, in visita negli Stati Uniti, ha discusso dell’acquisto dei jet da combattimento

Ats, a cura de laRegione
f-35-delegazione-svizzera-vola-negli-usa-per-discuterne

Una delegazione della Commissione di politica estera del Consiglio degli Stati, in visita negli Usa, ha incontrato oggi responsabili politici ed economici. Sul tavolo c’era l’acquisto di jet da combattimento F-35 da parte della Svizzera e i relativi affari di compensazione (affari offset).

A Washington, la delegazione elvetica, guidata dal presidente della commissione Damian Müller (Plr/LU), ha incontrato membri del congresso americano e delle organizzazioni economiche. Ha discusso pure il piano d’investimento del presidente Joe Biden e le opportunità che offre alle imprese svizzere, hanno precisato i servizi parlamentari.

I senatori non hanno mancato di menzionare l’acquisto dell’aereo da combattimento F-35A e gli affari di compensazione. Al momento della selezione, l’aereo della Lockheed Martin non ha ottenuto il miglior punteggio per questo aspetto. Gli americani dovranno comunque compensare il 60% del valore della commessa entro quattro anni dall’ultima consegna.

Sanzione e Onu

La delegazione si è anche interessata alla politica di sanzioni degli Stati Uniti. I senatori hanno discusso con i loro interlocutori dello sviluppo delle relazioni tra Cina e Stati Uniti, e delle conseguenze che questo potrebbe avere per la Svizzera.

La delegazione si è poi diretta a New York. L’attenzione si è concentrata sulla candidatura della Svizzera per un seggio non permanente nel Consiglio di sicurezza dell’Onu per il periodo 2023 e 2024.

La delegazione ha discusso con membri attuali ed ex membri del Consiglio di sicurezza la compatibilità di un tale seggio con la neutralità svizzera. Le prossime elezioni del Consiglio di sicurezza si terranno nel giugno 2022.

Il presidente della commissione Damian Müller era accompagnato da Andrea Gmür-Schönenberger (Centro/LU), Daniel Jositsch (Ps/ZH) e Matthias Michel (Plr/ZG).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
55 min
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
1 ora
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
1 ora
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
5 ore
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
6 ore
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
7 ore
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
22 ore
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
1 gior
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
1 gior
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
1 gior
‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’
A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
© Regiopress, All rights reserved