laRegione
29.10.21 - 18:01
Aggiornamento: 19:08

Scatta l’ora solare: domenica si potrà dormire un’ora in più

Nella notte di sabato, orologi indietro di un’ora. Oggetto di discussione da anni in tutta Europa, quella legale verrà comunque reintrodotta a marzo 2022

scatta-l-ora-solare-domenica-si-potra-dormire-un-ora-in-piu

Il prossimo fine settimana si potrà dormire un’ora in più: nella notte tra domani e domenica, alle ore 3, sarà necessario spostare le lancette degli orologi indietro di un’ora. Il passaggio dall’ora legale a quella solare è oggetto di discussione da diversi anni in tutta Europa, ma fino a nuovo avviso si applicherà il vigente sistema orario. “Gli orologi non vengono cambiati all’ora invernale, perché esistono solo l’ora solare e l’ora legale”, tiene a sottolineare in un comunicato l’Istituto federale di metrologia (Metas), precisando che da oltre 125 anni in Svizzera l’ora solare è l’ora dell’Europa centrale.

La Svizzera segue gli sviluppi nei Paesi limitrofi ed esaminerà attentamente se un eventuale adeguamento del regolamento sull’ora è opportuno e nell’interesse del nostro Paese. A ogni modo, sottolinea l’istituto, pure la prossima primavera, a partire da domenica 27 marzo 2022, verrà reintrodotta nuovamente l’ora legale.

Il cambio d’ora in Svizzera dal 1981

Il cambiamento d’orario è stato introdotto nella Confederazione dal 1981, per allinearsi a quanto già accadeva nelle nazioni vicine. In Europa, l’ora legale era stata adottata qualche anno prima con lo scopo di risparmiare energia durante la sera. Questo sistema però solleva ogni anno critiche: dagli effetti sulla salute di neonati e anziani, fino alla diminuzione della produzione di latte delle mucche.

Un’ampia consultazione pubblica all’interno dell’Ue – massicciamente guidata da Germania e Paesi del Nord – ha raccolto l’opinione di oltre 4,6 milioni di persone in 28 Paesi. È emerso che l’84% degli intervistati ha chiesto la fine del sistema in vigore negli scorsi anni. Si attendeva una modifica del sistema già lo scorso anno, ma le discussioni sono ancora in corso.

In caso di adozione di un sistema orario differente da quello degli Stati confinanti, la Svizzera diventerebbe una cosiddetta “isola temporale” con le conseguenze che ne derivano in particolare nei rapporti commerciali, nel settore dei trasporti, nel turismo e nelle comunicazioni.

In Svizzera, un comitato guidato dalla consigliera nazionale Yvette Estermann (Udc/Lu) e Armin Capaul – all’origine dell’iniziativa per vacche con le corna – nel 2019 ha lanciato un’iniziativa per abolire il cambio di orario, ma non è riuscito a raccogliere le 100’000 firme necessarie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
9 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
12 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
13 ore
Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi
I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
13 ore
A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’
Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
13 ore
La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno
L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
13 ore
Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è
La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
15 ore
Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
1 gior
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
1 gior
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
© Regiopress, All rights reserved