laRegione
27.10.21 - 16:38
Aggiornamento: 18:53

Covid, il Consiglio federale vuole prorogare gli aiuti al 2022

Il governo chiede al parlamento altri 915 milioni di franchi per far fronte agli effetti della pandemia. Il certificato non è interessato dalla proroga

covid-il-consiglio-federale-vuole-prorogare-gli-aiuti-al-2022
Keystone
Il Consiglio federale considera anche lo scenario peggiore

Berna – Il Consiglio federale vuole disporre di ulteriori 915 milioni di franchi nel caso in cui la crisi del coronavirus dovesse protrarsi anche l’anno prossimo. È quanto indica l’Esecutivo, che oggi ha adottato il messaggio concernente la proroga di alcune disposizioni della legge Covid-19, assicurandosi così la possibilità di continuare a disporre degli strumenti necessari per far fronte agli effetti della pandemia, in particolare nei settori della sanità, della protezione dei lavoratori, dello sport e della cultura.

A causa dell’incertezza per il 2022, l’Esecutivo vuole chiedere al Parlamento di prorogare alcune disposizioni della legge Covid-19. L’obiettivo è di porre urgentemente in vigore la legge nella sessione invernale, indica un comunicato governativo odierno.

Altri 915 milioni di franchi

Il messaggio sul budget del prossimo anno a destinazione delle Camere federali era stato licenziato dall’esecutivo lo scorso 18 agosto. Da allora l’esecutivo ha preso ulteriori decisioni per affrontare la crisi pandemica, facendo un cosiddetto “annuncio ulteriore” lo scorso 24 settembre a complemento del preventivo 2022. Oggi, nel corso della seduta, ne ha approvato un secondo: il “fabbisogno finanziario supplementare” da inserire nel preventivo ammonta a ulteriori 915 milioni di franchi.

Le uscite totali della Confederazione preventivate per l’anno prossimo – compreso questo secondo annuncio ulteriore – ammontano a 80,5 miliardi di franchi e si registra un deficit di finanziamento di circa 1,9 miliardi di franchi, sottolinea il comunicato.

I 915 milioni di franchi – in realtà 914,8 – sono destinati ai provvedimenti di sostegno alla cultura (130 milioni), allo sport (100 milioni), al finanziamento federale di nuove terapie ambulatoriali (50 milioni), alle spese di funzionamento dell’Ufficio federale della sanità pubblica (10,8 milioni), nonché alle uscite straordinarie per il finanziamento dei test (134 milioni) e a quelle legate alle indennità per perdita di guadagno per il coronavirus (490 milioni).

Casi di rigore

La legge Covid-19, già modificata a tre riprese dalla sua adozione il 25 settembre 2020, contiene la base giuridica per vari provvedimenti di lotta alla pandemia. La maggior parte delle disposizioni sono in principio limitate fino al prossimo 31 dicembre.

Il Consiglio federale ricorda che la base giuridica del certificato Covid – l’articolo 6a, che rimarrà in vigore sino alla fine del 2022 – non è interessata dalla proroga. Non saranno inoltre prorogate le disposizioni nell’ambito dell’aiuto per i casi di rigore e dell’assicurazione contro la disoccupazione.

Il progetto adottato oggi dal Consiglio federale è tuttavia volto a istituire una base legale che conceda ai Cantoni maggior tempo per trattare le domande pendenti per i casi di rigore, in particolare in relazione alle procedure giudiziarie in corso, sottolinea l’Esecutivo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
16 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
18 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
21 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
23 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved