laRegione
svizzero-per-22-anni-ma-era-un-errore-non-sara-naturalizzato
Nato nel 1993 da madre franco-svizzera e da padre libanese (Keystone)
Svizzera
26.10.21 - 18:430
Aggiornamento : 19:24

Svizzero per 22 anni, ma era un errore: non sarà naturalizzato

Nato nel 1993 da madre franco-svizzera e da padre libanese, il Tribunale federale ha confermato l’opposizione alla sua naturalizzazione facilitata

Considerato svizzero per 22 anni a causa di un errore, un abitante di Winterthur (Zh) non potrà regolarizzare rapidamente la sua situazione. Il Tribunale federale (Tf) ha confermato l’opposizione alla sua naturalizzazione facilitata. Il ricorrente è nato nel 1993 da madre franco-svizzera e da padre libanese. La mamma aveva ottenuto la nazionalità elvetica attraverso un precedente matrimonio. In questi casi, la nazionalità viene trasmessa solo a condizioni molto restrittive. Nel 2015 il giovane ha cercato di rinnovare il suo passaporto, ma le autorità l’hanno informato che non risulta registrato nel registro dello stavo civile elettronico. L’interessato ha allora aperto una procedura di naturalizzazione facilitata presso la Segreteria di Stato della migrazione (Sem). La richiesta è stata però respinta a causa della sua difficile situazione finanziaria.

Il suo ricorso è stato prima respinto dal Tribunale amministrativo federale e ora dal TF. Nella sentenza pubblicata oggi, l’Alta corte ha spiegato che il ricorrente ha diritto alla nazionalità francese, come previsto dal Codice civile francese, non però a quella svizzera. Il TF ricorda che nel vecchio diritto era previsto che uno straniero che per almeno cinque anni è convinto in tutta onestà di essere svizzero, e viene trattato come tale dalle autorità, può pretendere una naturalizzazione facilitata.

Da questo punto di vista, considerando l’errore del Controllo degli abitanti di Winterthur che lo ha a lungo considerato elvetico, l’interessato avrebbe diritto di fare domanda. Tuttavia, non rispetta altri criteri: fra il 2011 e il 2017 ha infatti accumulato 60mila franchi di attestati di carenza di beni e conta inoltre diversi procedimenti pendenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Winterthur, sette feriti in un grave incidente sull’A1
Gli occupanti della macchina che si è schiantata contro il guardrail hanno fra i 13 e i 52 anni
Svizzera
15 ore
Trattati internazionali, no a referendum obbligatorio
Il Nazionale bissa la decisione di non entrata in materia. Il progetto è definitivamente affossato.
Svizzera
15 ore
Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera
Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.
Svizzera
17 ore
Passo avanti in Svizzera verso il ritorno dei test gratuiti
I ‘senatori’ sono d’accordo sul principio, ma vogliono escludere i test rapidi per uso personale o quelli sierologici non ordinati dal Cantone
Svizzera
18 ore
Due bambine rimpatriate in Svizzera dalla Siria
Le due giovani, partite da un campo nel Nord-est del Paese, sono in viaggio verso la Confederazione. La madre si sarebbe unita alla milizia dell’Isis.
Svizzera
18 ore
L’esercito inasprisce le regole per uscite e congedi
Da oggi nuove direttive per impedire contagi e casi di Covid-19. Per tutti i militari uscite limitate all’area della piazza d’armi e all’accantonamento
Svizzera
22 ore
‘Media indipendenti fondamento della democrazia diretta’
Il comitato per il ‘sì’ al pacchetto di aiuti lancia la campagna in vista della votazione del 13 febbraio
Svizzera
23 ore
Pochissime le morti fra i vaccinati
A dirlo l’Ufficio federale della sanità pubblica. In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate
Svizzera
23 ore
In Svizzera 23’888 nuovi casi di Covid nel weekend
Nelle ultime 72 ore si registrano anche 39 nuovi decessi e 181 ricoveri in ospedale
Svizzera
23 ore
Tpf: pena ridotta a 36 mesi per ‘l’emiro di Winterthur’
Al 35enne, condannato per essere un sostenitore dell’Isis, in prima istanza erano stati inflitti 50 mesi di reclusione senza la condizionale
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile