laRegione
via-libera-a-terza-dose-per-persone-immunodepresse-o-a-rischio
(Keystone)
26.10.21 - 13:05
Aggiornamento : 14:30

Via libera a terza dose per persone immunodepresse o a rischio

Dopo l’autorizzazione di Swissmedic, l’Ufsp e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la terza dose per gli over 65

Ats, a cura de laRegione

Swissmedic ha dato oggi il via libera a una terza dose di vaccino per le persone immunodepresse o particolarmente a rischio.

I preparati considerati sono quelli di Moderna e Pfizer/BioNTech, precisa una nota odierna dell’Autorità svizzera per l’omologazione e il controllo dei medicamenti.

Il benestare di Swissmedic giunge dopo un accurato esame delle richieste di autorizzazione per i preparati di Moderna (Spikevax®) e Pfizer/BioNTech (Comirnaty®).

In linea con la decisione di omologazione adottata da Swissmedic, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) raccomandano alle persone con più di 65 anni la vaccinazione di richiamo. Sulla base dei dati attualmente disponibili, la vaccinazione di richiamo non è né autorizzata né raccomandata per la popolazione in generale.

I dati scientifici disponibili mostrano che le persone vaccinate sono molto ben protette contro le forme gravi del Covid-19. In caso di vaccinazione completa, la protezione vaccinale si attesta tuttora al di sopra del 90 per cento. Chi rimane contagiato nonostante la vaccinazione non presenta sintomi o presenta sintomi lievi e solo raramente contrae una forma grave della malattia. Pertanto, secondo la Cfv e l’Ufsp una vaccinazione di richiamo per l’intera popolazione non è attualmente opportuna.

Tuttavia, alcuni studi indicano che la protezione vaccinale può indebolirsi leggermente con il passare del tempo, in particolare nelle persone più anziane. L’Ufsp e la Cfv raccomandano pertanto la vaccinazione di richiamo per tutte le persone con più di 65 anni, da somministrare al più presto sei mesi dopo la vaccinazione completa. La raccomandazione vale soprattutto per i residenti nelle case per anziani e nelle case di cura e per le persone a partire dai 65 anni con gravi patologie preesistenti. Tra le persone particolarmente a rischio, questi gruppi sono quelli che più rischiano di ammalarsi gravemente.

Le vaccinazioni di richiamo iniziano a metà novembre

La raccomandazione di vaccinazione dell’Ufsp e della Cfv si basa sulla decisione di Swissmedic, che ha omologato la vaccinazione di richiamo con i due vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna per le persone particolarmente a rischio.

Le raccomandazioni di vaccinazione dettagliate saranno pubblicate nei prossimi giorni.
I sistemi informatici predisposti dalla Confederazione per la prenotazione, la documentazione e il monitoraggio saranno operativi dal 4 novembre. I cantoni sono responsabili dell’esecuzione delle vaccinazioni di richiamo. I cantoni decidono da quando le persone idonee possono registrarsi e si preparano a iniziare le vaccinazioni di richiamo da metà novembre.

Persone con un sistema immunitario indebolito

Per le persone con un sistema immunitario indebolito la terza dose di vaccino è già raccomandata. Per chi è gravemente immunocompromesso non si tratta però di una vaccinazione di richiamo: la terza dose rientra nell’immunizzazione di base (“vaccinazione primaria”) se la risposta del sistema immunitario è debole o assente dopo due dosi. A queste persone la terza dose può essere somministrata dopo almeno 28 giorni.

La fornitura di vaccini è assicurata

La Svizzera dispone di vaccini sufficienti per offrire nel 2021 e nel 2022 la vaccinazione di richiamo a tutte le persone per le quali è raccomandata e per vaccinare tutti coloro che non sono ancora vaccinati.
La vaccinazione resta lo strumento migliore per uscire dalla pandemia di Covid-19. Solo un tasso di copertura vaccinale nettamente maggiore permette di immunizzare sufficientemente la popolazione e di proteggerla contro le forme gravi della malattia, evitando di sovraccaricare il sistema sanitario.

Utilizzare l’accesso a bassa soglia

Le prime vaccinazioni di richiamo saranno somministrate probabilmente nelle case per anziani. Inoltre, per impedire la diffusione del virus nelle case di cura e per anziani ed evitare di mettere a rischio le persone più anziane, la prima e la seconda vaccinazione dovranno essere nuovamente offerte a tutti i residenti e i collaboratori di questi istituti che finora non si sono ancora fatti vaccinare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
moderna persone immunodepresse pfizer swissmedic terza dose vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere
L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
6 ore
Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza
Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
6 ore
Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica
Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
7 ore
Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento
Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
8 ore
Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia
Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
9 ore
Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio
Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
9 ore
Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023
Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
11 ore
Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi
Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
11 ore
Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’
Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
11 ore
Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni
Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved