laRegione
via-libera-a-terza-dose-per-persone-immunodepresse-o-a-rischio
(Keystone)
Svizzera
26.10.21 - 13:050
Aggiornamento : 14:30

Via libera a terza dose per persone immunodepresse o a rischio

Dopo l’autorizzazione di Swissmedic, l’Ufsp e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la terza dose per gli over 65

Swissmedic ha dato oggi il via libera a una terza dose di vaccino per le persone immunodepresse o particolarmente a rischio.

I preparati considerati sono quelli di Moderna e Pfizer/BioNTech, precisa una nota odierna dell’Autorità svizzera per l’omologazione e il controllo dei medicamenti.

Il benestare di Swissmedic giunge dopo un accurato esame delle richieste di autorizzazione per i preparati di Moderna (Spikevax®) e Pfizer/BioNTech (Comirnaty®).

In linea con la decisione di omologazione adottata da Swissmedic, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) raccomandano alle persone con più di 65 anni la vaccinazione di richiamo. Sulla base dei dati attualmente disponibili, la vaccinazione di richiamo non è né autorizzata né raccomandata per la popolazione in generale.

I dati scientifici disponibili mostrano che le persone vaccinate sono molto ben protette contro le forme gravi del Covid-19. In caso di vaccinazione completa, la protezione vaccinale si attesta tuttora al di sopra del 90 per cento. Chi rimane contagiato nonostante la vaccinazione non presenta sintomi o presenta sintomi lievi e solo raramente contrae una forma grave della malattia. Pertanto, secondo la Cfv e l’Ufsp una vaccinazione di richiamo per l’intera popolazione non è attualmente opportuna.

Tuttavia, alcuni studi indicano che la protezione vaccinale può indebolirsi leggermente con il passare del tempo, in particolare nelle persone più anziane. L’Ufsp e la Cfv raccomandano pertanto la vaccinazione di richiamo per tutte le persone con più di 65 anni, da somministrare al più presto sei mesi dopo la vaccinazione completa. La raccomandazione vale soprattutto per i residenti nelle case per anziani e nelle case di cura e per le persone a partire dai 65 anni con gravi patologie preesistenti. Tra le persone particolarmente a rischio, questi gruppi sono quelli che più rischiano di ammalarsi gravemente.

Le vaccinazioni di richiamo iniziano a metà novembre

La raccomandazione di vaccinazione dell’Ufsp e della Cfv si basa sulla decisione di Swissmedic, che ha omologato la vaccinazione di richiamo con i due vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna per le persone particolarmente a rischio.

Le raccomandazioni di vaccinazione dettagliate saranno pubblicate nei prossimi giorni.
I sistemi informatici predisposti dalla Confederazione per la prenotazione, la documentazione e il monitoraggio saranno operativi dal 4 novembre. I cantoni sono responsabili dell’esecuzione delle vaccinazioni di richiamo. I cantoni decidono da quando le persone idonee possono registrarsi e si preparano a iniziare le vaccinazioni di richiamo da metà novembre.

Persone con un sistema immunitario indebolito

Per le persone con un sistema immunitario indebolito la terza dose di vaccino è già raccomandata. Per chi è gravemente immunocompromesso non si tratta però di una vaccinazione di richiamo: la terza dose rientra nell’immunizzazione di base (“vaccinazione primaria”) se la risposta del sistema immunitario è debole o assente dopo due dosi. A queste persone la terza dose può essere somministrata dopo almeno 28 giorni.

La fornitura di vaccini è assicurata

La Svizzera dispone di vaccini sufficienti per offrire nel 2021 e nel 2022 la vaccinazione di richiamo a tutte le persone per le quali è raccomandata e per vaccinare tutti coloro che non sono ancora vaccinati.
La vaccinazione resta lo strumento migliore per uscire dalla pandemia di Covid-19. Solo un tasso di copertura vaccinale nettamente maggiore permette di immunizzare sufficientemente la popolazione e di proteggerla contro le forme gravi della malattia, evitando di sovraccaricare il sistema sanitario.

Utilizzare l’accesso a bassa soglia

Le prime vaccinazioni di richiamo saranno somministrate probabilmente nelle case per anziani. Inoltre, per impedire la diffusione del virus nelle case di cura e per anziani ed evitare di mettere a rischio le persone più anziane, la prima e la seconda vaccinazione dovranno essere nuovamente offerte a tutti i residenti e i collaboratori di questi istituti che finora non si sono ancora fatti vaccinare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
28 min
L’Ufsp raccomanda Pfizer per la vaccinazione sotto i 30 anni
Adeguate le raccomandazioni in base ai dati provenienti da analisi internazionali sulle dichiarazioni di miocardite
Svizzera
1 ora
Irène Kälin eletta presidente del Consiglio nazionale
La 34enne argoviese, esponente dei Verdi, ha ottenuto 151 voti su 166 schede valide
Svizzera
1 ora
Argovia, fanno esplodere un bancomat e fuggono con la refurtiva
Il furto ‘col botto’ nella notte presso la filiale Raiffeisen a Vordemwald. Sono una trentina i casi analoghi in mano alla Procura federale
Svizzera
2 ore
In Svizzera il Covid occupa un quarto delle terapie intensive
Nelle ultime 72 ore sono stati registrati quasi 20’000 contagi e 35 decessi
Svizzera
6 ore
Anche Danimarca e Australia nella lista dei Paesi a rischio
L’Ufsp continua ad aggiornare la lista dei Paesi coinvolti dalla variante Omicron e in arrivo dai quali sono richiesti test negativo e quarantena
Svizzera
23 ore
Sì a Legge Covid e cure infermieristiche. Giustizia, secco No
La modifica della Legge Covid passa con il 62%; 61% e maggioranza dei cantoni per le cure infermieristiche. No al 68,1% per il sorteggio dei giudici
Svizzera
1 gior
Nasce ‘Aufrecht Schweiz’, il movimento politico corona-scettico
Gli oppositori alle misure anti-Covid, fra cui gli ‘Amici della Costituzione’, si uniscono in un movimento con l’obiettivo di entrare nelle istituzioni
Svizzera
1 gior
Verso il Sì alla Legge Covid-19. Segui i risultati in diretta
Secondo le prime tendente, si profila un Sì per Legge Covid-19 e cure infermieristiche, No al sorteggio dei giudici federali
Svizzera
1 gior
Votazioni, polizia erige protezioni attorno a Palazzo federale
Nei giorni scorsi i contrari alle misure anti-Covid avevano lanciato sulle reti sociali appelli per una manifestazione davanti al Parlamento
Svizzera
1 gior
‘La nuova variante si diffonderà anche in Svizzera’
A dirlo è la presidente della task force Covid-19 del Consiglio federale Tanja Stadler
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile