laRegione
a-un-anno-dalla-pandemia-dimezzato-l-uso-dei-mezzi-pubblici
(Keystone)
Svizzera
26.10.21 - 09:050
Aggiornamento : 14:29

A un anno dalla pandemia dimezzato l’uso dei mezzi pubblici

Secondo i dati del microcensimento mobilità e trasporti, a inizio 2021 è stato percorso il 31% di km in meno rispetto all’anno precedente

a cura de laRegione

Il Covid-19 ha ridotto di quasi un terzo la mobilità in Svizzera. L’uso dei mezzi pubblici di trasporto pubblici è addirittura dimezzato.

Nel traffico individuale motorizzato, la distanza media giornaliera percorsa è diminuita del 27%. Con una media di 3,6 km al giorno, le distanze percorse sui mezzi pubblici sono invece scese del 52% rispetto all’inizio del 2020 (7,5 km). Le distanze percorse a piedi e in bicicletta sono rimaste praticamente costanti.

I dati pubblicati oggi sono il risultato del Microcensimento mobilità e trasporti (MCMT) realizzato dall’Ufficio federale di statistica (UST) e dall’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE). Il confronto prende in considerazione le otto settimane tra il 10 gennaio e il 6 marzo 2021 - che corrisponde all’incirca al periodo del “secondo confinamento” - e lo stesso periodo dell’anno precedente.

Dallo studio emerge che, prendendo in considerazione solo i percorsi all’interno della Svizzera, le persone intervistate all’inizio del 2021 hanno percorso in media 21,8 km al giorno. La distanza media giornaliera per persona è diminuita quindi di 9,8 km o del 31% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (31,6 km).

Il calo maggiore, pari al 39% (o 17 km in meno), si riferisce alle distanze giornaliere percorse dei giovani dai 18 ai 24 anni. Secondo l’UST, ciò sarebbe riconducibile all’introduzione dell’insegnamento a distanza nelle scuole universitarie e alla chiusura delle strutture per il tempo libero.

Mobilità degli acquisti costante

Durante il “secondo lockdown” sono aumentate le attività non sportive all’aperto: le distanze percorse per le passeggiate sono aumentate di oltre la metà. Nel complesso, le distanze percorse nel tempo libero sono tuttavia diminuite del 34%. Ed anche se questo calo è stato maggiore rispetto ai viaggi di lavoro (scesi del 27%), il tempo libero è rimasto il motivo più importante per gli spostamenti (38%).

Secondo l’UST, colpisce inoltre il fatto che, nonostante le chiusure parziali dei negozi e il boom degli acquisti online, le distanze percorse per fare acquisti non sono diminuite significativamente durante la pandemia.

Gli effetti dell’home office

Dalla metà di gennaio 2021, in Svizzera è stato introdotto l’obbligo parziale di lavorare da casa. In questo periodo il 50% delle persone intervistate ha avuto la possibilità di lavorare almeno in parte da casa. Un anno prima questo tasso era del 38%.

Per le persone che hanno fatto ricorso all’home office, la distanza percorsa quotidianamente per recarsi al lavoro si è dimezzata, passando da 18,3 a 9,5 km. Per le altre persone occupate, la distanza percorsa per andare al lavoro non ha invece subito variazioni significative.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 sec
L’Ufsp raccomanda Pfizer per la vaccinazione sotto i 30 anni
Adeguate le raccomandazioni in base ai dati provenienti da analisi internazionali sulle dichiarazioni di miocardite
Svizzera
38 min
Irène Kälin eletta presidente del Consiglio nazionale
La 34enne argoviese, esponente dei Verdi, ha ottenuto 151 voti su 166 schede valide
Svizzera
1 ora
Argovia, fanno esplodere un bancomat e fuggono con la refurtiva
Il furto ‘col botto’ nella notte presso la filiale Raiffeisen a Vordemwald. Sono una trentina i casi analoghi in mano alla Procura federale
Svizzera
2 ore
In Svizzera il Covid occupa un quarto delle terapie intensive
Nelle ultime 72 ore sono stati registrati quasi 20’000 contagi e 35 decessi
Svizzera
5 ore
Anche Danimarca e Australia nella lista dei Paesi a rischio
L’Ufsp continua ad aggiornare la lista dei Paesi coinvolti dalla variante Omicron e in arrivo dai quali sono richiesti test negativo e quarantena
Svizzera
23 ore
Sì a Legge Covid e cure infermieristiche. Giustizia, secco No
La modifica della Legge Covid passa con il 62%; 61% e maggioranza dei cantoni per le cure infermieristiche. No al 68,1% per il sorteggio dei giudici
Svizzera
1 gior
Nasce ‘Aufrecht Schweiz’, il movimento politico corona-scettico
Gli oppositori alle misure anti-Covid, fra cui gli ‘Amici della Costituzione’, si uniscono in un movimento con l’obiettivo di entrare nelle istituzioni
Svizzera
1 gior
Verso il Sì alla Legge Covid-19. Segui i risultati in diretta
Secondo le prime tendente, si profila un Sì per Legge Covid-19 e cure infermieristiche, No al sorteggio dei giudici federali
Svizzera
1 gior
Votazioni, polizia erige protezioni attorno a Palazzo federale
Nei giorni scorsi i contrari alle misure anti-Covid avevano lanciato sulle reti sociali appelli per una manifestazione davanti al Parlamento
Svizzera
1 gior
‘La nuova variante si diffonderà anche in Svizzera’
A dirlo è la presidente della task force Covid-19 del Consiglio federale Tanja Stadler
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile