laRegione
26.10.21 - 09:05
Aggiornamento: 14:29

A un anno dalla pandemia dimezzato l’uso dei mezzi pubblici

Secondo i dati del microcensimento mobilità e trasporti, a inizio 2021 è stato percorso il 31% di km in meno rispetto all’anno precedente

a-un-anno-dalla-pandemia-dimezzato-l-uso-dei-mezzi-pubblici
(Keystone)

Il Covid-19 ha ridotto di quasi un terzo la mobilità in Svizzera. L’uso dei mezzi pubblici di trasporto pubblici è addirittura dimezzato.

Nel traffico individuale motorizzato, la distanza media giornaliera percorsa è diminuita del 27%. Con una media di 3,6 km al giorno, le distanze percorse sui mezzi pubblici sono invece scese del 52% rispetto all’inizio del 2020 (7,5 km). Le distanze percorse a piedi e in bicicletta sono rimaste praticamente costanti.

I dati pubblicati oggi sono il risultato del Microcensimento mobilità e trasporti (MCMT) realizzato dall’Ufficio federale di statistica (UST) e dall’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE). Il confronto prende in considerazione le otto settimane tra il 10 gennaio e il 6 marzo 2021 - che corrisponde all’incirca al periodo del “secondo confinamento” - e lo stesso periodo dell’anno precedente.

Dallo studio emerge che, prendendo in considerazione solo i percorsi all’interno della Svizzera, le persone intervistate all’inizio del 2021 hanno percorso in media 21,8 km al giorno. La distanza media giornaliera per persona è diminuita quindi di 9,8 km o del 31% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (31,6 km).

Il calo maggiore, pari al 39% (o 17 km in meno), si riferisce alle distanze giornaliere percorse dei giovani dai 18 ai 24 anni. Secondo l’UST, ciò sarebbe riconducibile all’introduzione dell’insegnamento a distanza nelle scuole universitarie e alla chiusura delle strutture per il tempo libero.

Mobilità degli acquisti costante

Durante il “secondo lockdown” sono aumentate le attività non sportive all’aperto: le distanze percorse per le passeggiate sono aumentate di oltre la metà. Nel complesso, le distanze percorse nel tempo libero sono tuttavia diminuite del 34%. Ed anche se questo calo è stato maggiore rispetto ai viaggi di lavoro (scesi del 27%), il tempo libero è rimasto il motivo più importante per gli spostamenti (38%).

Secondo l’UST, colpisce inoltre il fatto che, nonostante le chiusure parziali dei negozi e il boom degli acquisti online, le distanze percorse per fare acquisti non sono diminuite significativamente durante la pandemia.

Gli effetti dell’home office

Dalla metà di gennaio 2021, in Svizzera è stato introdotto l’obbligo parziale di lavorare da casa. In questo periodo il 50% delle persone intervistate ha avuto la possibilità di lavorare almeno in parte da casa. Un anno prima questo tasso era del 38%.

Per le persone che hanno fatto ricorso all’home office, la distanza percorsa quotidianamente per recarsi al lavoro si è dimezzata, passando da 18,3 a 9,5 km. Per le altre persone occupate, la distanza percorsa per andare al lavoro non ha invece subito variazioni significative.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
15 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
17 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
18 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
19 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
21 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved