laRegione
terza-dose-swissmedic-e-tutt-altro-che-lenta
Keystone
24.10.21 - 14:32
Aggiornamento : 17:50

Terza dose: ‘Swissmedic è tutt’altro che lenta’

Raimund Bruhin, direttore di Swissmedic, risponde alle accuse: ‘Sono i produttori di vaccini che decidono quando e dove presentare le domande, non noi’

Ats, a cura de laRegione

Il direttore dell’Istituto per gli agenti terapeutici Swissmedic ha respinto l’accusa di eccessiva lentezza per l’approvazione della terza dose di vaccino contro il Covid-19. Dipendiamo dalle aziende farmaceutiche, ha detto Raimund Bruhin alla “NZZ am Sonntag”.

«Swissmedic è tutt’altro che lenta», ha sottolineato Bruhin nell’intervista pubblicata oggi. Sono i produttori di vaccini che decidono quando e dove presentare le domande. L’agenzia europea dei medicinali EMA e la sua controparte americana, per esempio, hanno ricevuto le richieste prima della Svizzera.

Secondo Bruhin, a Swissmedic le domande di autorizzazione di Pfizer e Moderna sono giunte a metà settembre. I dati richiesti vengono presentati in pacchetti scaglionati. Nel frattempo, la valutazione è «ben avanzata».

No all’intervento politico

Nell’intervista, il direttore di Swissmedic si è detto contrario alla presa in conto di criteri politici per l’autorizzazione dei vaccini, come è avvenuto per esempio in Israele. Chi procede in questo modo si assume l’intero rischio sanitario e la responsabilità legale.

Affidarsi al giudizio delle autorità straniere sulle vaccinazioni è fuori questione, ha continuato Bruhin. La responsabilità rimane di Swissmedic. Inoltre, è importante avere la fiducia della popolazione, soprattutto perché la Svizzera non è uno dei Paesi più favorevoli ai vaccini.

Finora, le autorità elvetiche raccomandano la vaccinazione di richiamo solo alle persone il cui sistema immunitario è indebolito, ad esempio chi ha subito un trapianto. Ad oggi 7’700 terze dosi del vaccino sono state somministrate in Svizzera.

Voci critiche

Gli esperti degli ospedali e delle case di riposo avevano chiesto la scorsa settimana di accelerare i tempi. Per le persone dai 70 anni in su, il beneficio della vaccinazione di richiamo è del tutto indiscusso, ha detto ieri alla Neue Zürcher Zeitung l’infettivologo Huldrych Günthard dell’ospedale universitario di Zurigo.

Il ministro della Salute Alain Berset si è dichiarato favorevole alla terza dose per un gruppo limitato di persone. L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) comunque ritiene fuori luogo una vaccinazione di richiamo generalizzata. Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell’UFSP, ha puntualizzato che ci sono attualmente «poche prove sui benefici della vaccinazione di richiamo per tutti».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dose raimund bruhin swissmedic terza dose vaccinazione richiamo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 ora
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
3 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
4 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
5 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
6 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
6 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
6 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
11 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved