laRegione
a-berna-grande-corteo-di-oppositori-alle-restrizioni-covid
Keystone
23.10.21 - 16:28

A Berna grande corteo di oppositori alle restrizioni Covid

La manifestazione è autorizzata. Finora non ci sono stati incidenti degni di nota

Ats, a cura de laRegione

Migliaia di oppositori alla politica di restrizioni del Consiglio federale per fronteggiare la pandemia di coronavirus si sono riuniti oggi a Berna per una grande manifestazione nazionale.

La manifestazione ufficiale è iniziata nella gremita Piazza federale, dove gli oratori si sono espressi in particolare contro l’estensione dell’obbligo del certificato Covid per accedere a varie attività, raccogliendo gli applausi della folla, ha constato una corrispondente dell’agenzia di stampa Keystone-Ats.

In precedenza, centinaia di persone si erano radunate sulla Münsterplatz, la piazza davanti alla cattedrale, per poi dirigersi verso Palazzo federale scandendo richiami alla “Libertà”, il tutto accompagnato dal suono di campanacci. Lungo il percorso il corteo si è rinfoltito.

La città di Berna ha approvato la manifestazione all’inizio della settimana, a determinate condizioni. Dovrebbe essere l’ultima prima della votazione federale del 28 novembre sulla legge per il Covid. La polizia è presente con veicoli di emergenza e un grande contingente. Pattuglia la città e indirizza il traffico. Palazzo Federale è isolato con delle transenne. Finora non ci sono stati incidenti degni di nota.

A un controraduno in Helvetiaplatz erano presenti un centinaio di persone, soprattutto giovani. Tutti indossavano mascherine, ha constato un corrispondente di Keystone-Ats. C’erano striscioni con slogan quali “Berna rimane libera dalle turbolenze”. Questa manifestazione è stata organizzata del Solidarisches Bündnis Bern.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berna covid manifestazione restrizioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
42 min
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
1 ora
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
1 ora
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
2 ore
Vallese, alpinisti travolti da seracchi. Si temono vittime
La polizia vallesana parla di ‘vittime’ sul Grand Combin, senza precisare se si tratta di morti o feriti. Una quindicina gli alpinisti sul posto
Svizzera
7 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza “STOP F-35” afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
21 ore
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
Svizzera
1 gior
Prospettive meno fosche del previsto per l’Avs
Senza una riforma la dotazione del fondo dovrebbe scendere a 43,4 miliardi nel 2032, calcola l’Ufas. Nel 2020 si stimava un calo a 24,9 miliardi
Svizzera
1 gior
Monumento a Suvorov ripulito da russi e svizzeri
Era stato imbrattato a metà maggio con i colori della bandiera ucraina
Svizzera
1 gior
Muore ciclista 81enne, non aveva rispettato la precedenza
L’uomo è stato investito da un 22enne che circolava sulla strada cantonale a Château-d’Oex (Vd)
Svizzera
1 gior
Nell’arco alpino inevitabile un aumento delle temperature
L’incremento sarà compreso tra 0,5 e 1,5 gradi nei prossimi 20-30 anni. Previste meno piogge in estate, ma di più nelle altre stagioni
© Regiopress, All rights reserved