laRegione
21.10.21 - 12:01
Aggiornamento: 16:47

Rubati 130mila nomi di aziende che hanno chiesto crediti Covid

Hackerato il sito della Confederazione Easygov ad agosto: non sono stati sottratti i dati bancari nè quelli sull’importo del credito

rubati-130mila-nomi-di-aziende-che-hanno-chiesto-crediti-covid
(Keystone)

La piattaforma della Confederazione EasyGov è stata piratata: stando alla Segreteria di Stato dell’economia (SECO), hacker si sono impossessati dei nomi di quasi 130 mila imprese che hanno chiesto un credito Covid nel 2020 per far fronte alla pandemia di coronavirus. Relazioni bancarie e numeri Iban sono stati invece risparmiati. Dal suo lancio alla fine del 2017 e fino a questo attacco, EasyGov è stata risparmiata dai ciberattacchi.

In una nota odierna, allo stato attuale delle conoscenze, la SECO precisa che, oltre al nome della ditta, non sono state rubate altre informazioni sulle società che si sono rivolte alla Confederazione per un aiuto. La SECO, che gestisce la piattaforma, si è attivata immediatamente appena resasi conto dell’attacco e avviato un’inchiesta grazie anche al sostegno del Centro nazionale per la cibersicurezza (NCSC).

L’attacco alla piattaforma www.easygov.swiss risale all’agosto scorso: i pirati avrebbero inviato in gran numero richieste automatiche di consultazione riuscendo in questo modo a carpire i nomi delle ditte. Non sono interessate dall’attacco quelle aziende che hanno già ripagato il credito completamente, nonché informazioni confidenziali come la relazione bancaria, il numero iban, la persona di contatto, ecc. Gli hacker non sono nemmeno riusciti ad impossessarsi dei dati riguardanti l’ammontare del credito ricevuto. Anche le informazioni relative a tutte le aziende registrate su EasyGov sono al sicuro, stando alla SECO.

L’attacco è avvenuto tra il 10 e il 22 agosto mediante invii automatici - fino a 544 mila al giorno. In totale, nel mese in rassegna sono stati contati 1.3 milioni di contatti che hanno consentito ai criminali, grazie a richieste automatiche di consultazione corredate col numero unico d’identificazione delle imprese, di procurarsi i nomi delle società che non hanno ancora ripagato gli aiuti ricevuti.

La SECO ha reagito all’attacco chiudendo le interfaccia web colpite. I dati visionati sono stati rimossi dal server e il processo utilizzato su EasyGov è stato completamente disattivato. Questo processo era disponibile per le aziende nell’area pubblica di EasyGov, senza login, per effettuare correzioni alle domande di crediti COVID-19. Nell’area protetta (cioè con login), un’interrogazione automatica di questo tipo è esclusa.

EasyGov è lo sportello online per le imprese. Grazie a questa piattaforma le procedure ufficiali con le autorità possono essere sbrigate in modo semplice, rapido ed efficiente. Fungendo da sportello unico, EasyGov permette alle aziende di gestire online autorizzazioni, domande e notifiche, facendo risparmiare tempo e denaro alle ditte e alle autorità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
18 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
19 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved