laRegione
21.10.21 - 09:39

Certificato Covid, verificare via app o si rischia manipolazione

Un metodo semplice permette di ‘barare’ se il certificato non viene verificato usando l’app CovidCertificateCheck, unico metodo indicato dall’Ufsp

certificato-covid-verificare-via-app-o-si-rischia-manipolazione
(Keystone)

Verificare il certificato Covid senza utilizzare l’app “Covid Certificate Check” come indicato dall’Ufsp, e dunque semplicemente controllandolo sul telefono del cliente, senza scansionare il Qr code, potrebbe permettere un utilizzo di un certificato Covid già scaduto. Lo rivela il portale Watson, che ha scoperto e comunicato all’Ufsp la falla nel sistema che permette di far apparire come valido un certificato ottenuto tramite test negativo o per guarigione se esso non viene verificato nel modo corretto. Tuttavia, l’Ufsp non ha ancora comunicato se la falla è stata “tappata”.

Il ‘trucco’ scoperto da Watson è semplice: basta cambiare la data e l’ora sul proprio telefono per fa sì che premendo il pulsante di verifica l’applicazione mostri il “bollino verde” che indica la validità del certificato. Ovviamente uno sguardo meno frettoloso da parte di chi controlla il certificato potrà far notare che la data di scadenza reale è chiaramente scritta appena sotto il Qr Code e svelare il trucco. Va detto che il controllo “rapido” del certificato Covid semplicemente sul telefono del cliente non è mai stato autorizzato dall’Ufsp che sottolinea invece come l’unico metodo di verifica del certificato sia tramite l’app CovidCertCheck, che con la scansione del Qr Code permette di verificare immediatamente se il certificato è ancora inserito nel sistema informatico o se è già stato rimosso in quanto scaduto o con dati errati. Inoltre lo stesso Ufsp sul proprio sito indica inserisce solo nome, cognome e data di nascita nella lista dei dati da controllare da parte di chi verifica il certificato.

Watson scrive che per motivi tecnici non è possibile sapere quante persone hanno approfittato del “bug“, ma di poter affermare che diversi individui si son vantati di averlo utilizzato. Interrogato da Watson, l’Ufficio federale di sanità pubblica ha dichiarato che “gli esaminatori non sono autorizzati a premere il tasto “refresh” sui cellulari degli altri”, che "l’unico metodo di controllo consentito è l’uso dell’applicazione di verifica da parte dei controllori”, e che "questo punto sarà anche esplicitamente incluso nell’ordinanza sul certificato Covid”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
6 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
7 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
7 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
8 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
10 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
Svizzera
10 ore
Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti
È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
11 ore
Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’
A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
12 ore
Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa
A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
12 ore
Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata
Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
© Regiopress, All rights reserved