laRegione
20.10.21 - 12:37
Aggiornamento: 16:23

Regali di Natale: niente fretta, a dicembre costano meno

Lo rivela un’indagine di K-Tipp: al contrario di quello che ci si aspetta, i costi scendono con l’avvicinarsi delle feste

Ats, a cura de laRegione
regali-di-natale-niente-fretta-a-dicembre-costano-meno
(Ti-Press)

Comprare troppo presto i regali di Natale non conviene, perché i prezzi dei prodotti scendono, anche notevolmente: a inizio dicembre sono inferiori a quanto lo siano in autunno. È quanto emerge da un’indagine di K-Tipp.

Molte persone acquistano i loro doni natalizi prima dell’ultimo mese dell’anno, aspettandosi che il loro costo salga con l’avvicinarsi delle feste: questo di solito però non è il caso, rivela il principale periodico consumistico svizzero.

Con l’aiuto del portale di confronti Toppreise.ch i giornalisti di K-Tipp hanno effettuato un’analisi dell’evoluzione dei prezzi nel 2020 di 50 articoli dei settori dell’elettronica, del tempo libero e della casa. È emerso un risultato chiaro: 43 dei 50 prodotti erano più economici in dicembre che in novembre, quando il loro costo era al massimo. Solo 7 prodotti sono rimasti più o meno allo stesso prezzo o sono diventati leggermente più cari.

In base a questa indagine, le tariffe sono più alte all’inizio delle campagne pubblicitarie per gli acquisti di Natale. Possono poi scendere una prima volta per il Black Friday, la giornata di sconti che quest’anno è in agenda il 26 novembre. Ma spesso non è in quella data che viene raggiunto il prezzo più basso: molti rivenditori riducono infatti nuovamente i prezzi tra l’1 e il 12 dicembre, probabilmente per incoraggiare gli acquisti dell’ultimo minuto.

Sono così possibili risparmi del 30% e più rispetto ai prezzi di novembre. Vengono avanzati diversi casi concreti, fra cui per esempio una macchina fotografica Canon che nel novembre 2020 costava 1038 franchi e alcune settimane dopo 854 franchi, o anche lo smartphone Samsung Galaxy S20, passato da 899 a 830 franchi, oppure una cyclette scesa da 1299 a 1054 franchi.

La pazienza può essere pagante, afferma K-Tipp. Secondo la rivisita di difesa dei consumatori non bisogna farsi sviare da questo principio nemmeno quando sui media si diffondo le notizie di possibili strozzature nelle forniture. K-Tipp accusa in particolare un giornale svizzero tedesco di aver diffuso il panico all’inizio di ottobre, raccomandando ai suoi lettori di comprare i regali di Natale il più presto possibile perché altrimenti sotto l’albero non avrebbero trovato nulla.

A chi non vuole confrontare giornalmente i vari siti dei rivenditori i giornalisti consigliano di abbonarsi all’allarme dei prezzi offerto da Toppreise.ch. Si può fissare un prezzo che si è disposti a pagare per ogni articolo e quanto questo viene raggiunto si riceve una e-mail di avvertimento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
4 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
5 ore
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
22 ore
In autostrada al massimo a 100 all’ora
È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
22 ore
Il Parlamento converge... sul solare
Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
23 ore
Aborto: 20 anni di regime dei termini
Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior
Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%
A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior
Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.
Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
1 gior
Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza
La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
1 gior
Si prospettano lunghe attese per il pediatra
Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
© Regiopress, All rights reserved