laRegione
20.10.21 - 09:48

Multe per il turismo della spesa, il Governo ammette errori

Le multe da 100 franchi elevate durante la prima fase della pandemia non avevano base legale. Il Consiglio federale ammette: “comunicazione insufficiente”

multe-per-il-turismo-della-spesa-il-governo-ammette-errori
(Ti-Press)

Le multe per il turismo degli acquisti elevate durante la prima ondata della pandemia nella primavera del 2020 non avevano una base legale. Il Consiglio federale ammette l’errore parziale. Ne dà notizia il TagesAnzeiger. Erano dunque fondate le critiche della Commissione Gestione degli Stati in merito, inserite nel rapporto sulle misure Covid alle frontiere pubblicato a giugno.

Come si ricorderà, dopo l’imposizione delle restrizioni in ingresso nel marzo del 2020 il Consiglio federale, a partire dal 23 marzo aveva imposto anche il divieto di recarsi all’estero esclusivamente per fare acquisti, per cui l’Amministrazione federale delle dogane (Afd) aveva sanzionato diverse persone con una multa da 100 franchi basandosi sulla legge doganale, prima che la sanzione venisse inserita nell’ordinanza Covid-19 il 17 aprile.

Nel rapporto di giugno, dunque, la Commissione Gestione del Consiglio degli Stati aveva concluso che fino a quella data “non c’era una base legale esplicita per multare le violazioni del divieto del turismo degli acquisti”. Inoltre, la decisione dell’Afd avrebbe dovuto essere comunicata più chiaramente.

Il Consiglio federale, nella dichiarazione sul Foglio federale di martedi, ha dichiarato che intende attuare alcune raccomandazioni della Commissione Gestione agli Stati, ad esempio chiarire la portata e l’estensione, per i casi futuri, della legge doganale, la cui attuale revisione dovrebbe essere l’occasione per tale adeguamento. Il Governo ha chiarito che “una tale situazione non si ripeterà in futuro”.

Comunicazione "parzialmente insufficiente”


Nella sua dichiarazione pubblicata martedì nel Foglio federale, il Consiglio federale dichiara che intende attuare alcune delle raccomandazioni della CPC-S. Ad esempio, il campo di applicazione della FCA dovrebbe essere ampliato. Per esempio, la portata del Customs Act dovrebbe essere chiarita per i casi futuri. L’attuale revisione totale della legge doganale offre l’opportunità di farlo. Egli presume “che una tale situazione non si ripeterà in futuro”, scrive il Consiglio federale.

Il Governo fa anche autocritica circa la comunicazione relativa alle multe per lo shopping, dichiarando che la cooperazione tra le unità amministrative “avrebbe dovuto essere più intensa", che il tema avrebbe potuto essere discusso "più dettagliatamente" durante le proprie sedute e che in alcuni casi la comunicazione è stata "inadeguata". Ciò, comunque, tenendo presente che nelle prime fasi della pandemia il carico di lavoro per i dipartimenti coinvolti è stato "enorme" e dunque è “comprensibile” che determinati chiarimenti siano stati messi in secondo piano. Il Consiglio federale dichiara tuttavia che in futuro ci si impegnerà "per una maggiore cooperazione”.

"Decisioni prese in breve tempo e in situazione incerta”

Anche la stessa Commissione Gestione ammette che comunque il proprio rapporto è “una valutazione retrospettiva di decisioni che hanno dovuto essere prese dall’amministrazione federale in un periodo di tempo molto breve e sulla base di una situazione informativa incerta" e che comunque nell’agire del personale doganale non si è riscontrato "nessun problema fondamentale”: il numero di contestazioni è stato “relativamente piccolo” rispetto alla mole di passaggi transfrontalieri e controlli, per cui è possibile concludere che il personale e le autorità doganali hanno fatto un buono lavoro.

Il Consiglio federale informa che le multe contestate saranno esaminate dagli organi di ricorso federali o cantonali competenti. Le multe imposte erroneamente verranno rimborsate se verrà emessa una decisione giuridicamente vincolante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
5 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
7 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
9 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
10 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
11 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved