laRegione
per-la-terza-dose-la-svizzera-non-dovra-aspettare-troppo
(Keystone)
19.10.21 - 08:11
Aggiornamento : 20:06

Per la terza dose ‘la Svizzera non dovrà aspettare troppo’

Lo ha dichiarato Claus Bolte, capo della sezione autorizzazioni di Swissmedic. Probabile la somministrazione inizialmente solo alle persone a rischio

Ats, a cura de laRegione

Non dovrebbe mancare molto all’approvazione della terza dose dei vaccini anti-Covid in Svizzera. Secondo Claus Bolte, capo della sezione autorizzazioni presso Swissmedic, il via libera potrebbe arrivare per fine ottobre. Pur sperando che la situazione si sblocchi presto, il presidente dell’Associazione dei medici cantonali Rudolf Hauri invita da parte sua a non mettere sotto pressione le autorità sanitarie, mentre quello della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) Christoph Berger specifica che non tutti saranno interessati nel 2021.

La necessità di una terza dose non è ancora stata chiaramente dimostrata, ha detto ieri sera Bolte, intervenuto nell’ambito del programma della televisione svizzerotedesca SRF “10vor10”. Tuttavia, una decisione di Swissmedic, l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici competente sulla questione, potrebbe cadere già entro la fine del mese.

La Svizzera non deve aspettare troppo, ha sottolineato Hauri dalle colonne del “Tages-Anzeiger” in edicola oggi. In certi Paesi europei e negli Stati Uniti la terza iniezione è infatti già in corso di svolgimento. In ogni caso, Swissmedic e la CFV devono “decidere unicamente sulla base dei dati e delle evidenze disponibili”, ha dichiarato nell’intervista al giornale zurighese il medico cantonale di Zugo.

“Il richiamo non è necessario per tutti", ha comunque sottolineato il presidente della CFV Christoph Berger, espressosi sul "Blick”. La popolazione “normale” non ne avrà sicuramente bisogno quest’anno, aggiunge l’esperto, in quanto non vi sono indicazioni che la protezione si stia indebolendo per questo gruppo.

La situazione è per contro diversa per gli over 80, ha proseguito Berger. I dati inglesi mostrano una tendenza a una leggera diminuzione della protezione per tale categoria. L’efficacia del vaccino dovrebbe aumentare dall’85 al 95% dopo la somministrazione supplementare.

Per chi ha più di 65 anni e presenta fattori di rischio invece non vi è ancora chiarezza sulla faccenda, ammette Berger. I risultati sono variegati, ma nessuno di essi ha svelato un calo significativo della protezione. Le persone a rischio sotto i 65 anni non devono dal canto loro preoccuparsi, conferma il presidente della CFV.

Stando a Berger, dal momento in cui Swissmedic darà semaforo verde, ci vorranno circa due settimane alla commissione per emettere una raccomandazione. La maggior parte dei Cantoni sono pronti per iniziare immediatamente le iniezioni, assicura Hauri.

Attualmente, ricorda il numero uno dei medici cantonali svizzeri, la terza dose è autorizzata per le persone immunodepresse che non hanno potuto acquisire una protezione sufficiente dopo le prime due canoniche punture. Fa quindi parte dell’immunizzazione di base e non si tratta di una vaccinazione di richiamo, spiega Hauri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
claus bolte svizzera swissmedic terza dose vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 ora
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
3 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
4 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
5 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
6 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
6 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
6 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
11 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved