laRegione
18.10.21 - 16:29
Aggiornamento: 16:47

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna

certificato-covid-sulle-piste-da-sci-dubbi-sulla-fattibilita
Keystone
Occhi puntati sull’imminente stagione invernale

Zurigo – Nulla è ancora stato deciso in merito all’eventuale obbligo di un certificato Covid sulle piste da sci e gli operatori del settore appaiono in fermento: a far discutere è in particolare l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna.

“Abbiamo bisogno di certezza nella pianificazione”, afferma Mario Bislin, Ceo di Bergbahnen Flumserberg, gli impianti del vasto comprensorio che si affaccia sul Walensee, in dichiarazioni riportate dalla Neue Zürcher Zeitung (NZZ). “Dopotutto vogliamo poter dire ai nostri ospiti in modo concreto come devono comportarsi dentro e fuori le piste”.

Una questione delicata

Sul tema sono in corso trattative fra l’associazione di categoria Funivie svizzera e l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). La questione viene ritenuta delicata, tanto più che l’Austria ha ad esempio già introdotto la regola del 3G (dal tedesco geimpft, genesen, getestet: cioè vaccinato, guarito, testato), oltre che per ristoranti e alberghi, anche sulle piste, con in più la mascherina FFP2 negli impianti di risalita chiusi. La Svizzera aveva già agito da cavaliere solitario l’inverno scorso, tenendo aperto mentre altri, in Europa, chiudevano.

Bislin ha però una opinione netta. “L’obbligo del certificato non ha senso, perché non porta a niente”. A suo avviso gli operatori hanno già dimostrato nella stagione 2020/21 che possono garantire ai loro ospiti un divertimento invernale sicuro. “Contrariamente a tutti i timori, nessuna stazione sciistica in Svizzera è diventata un focolaio di coronavirus”, osserva Bislin.

Fideris caso isolato

Come noto una località ha già deciso - fin dallo scorso agosto - di passare al regime 3G: si tratta di Fideris, nei Grigioni. “Volevamo creare una sicurezza di pianificazione per i nostri ospiti e il personale il più rapidamente possibile”, spiega alla NZZ il manager Henrik Vetsch.

Stando al quotidiano zurighese non è però un caso che l’esempio di Fideris, che ha un unico accesso, non sia stato seguito da altri. La situazione geografica in altre località di sport invernali è infatti molto più complicata: le piste possono essere raggiunte attraverso gli impianti di risalita, dall’hotel, dall’appartamento di vacanza o da strade e sentieri escursionistici. “Il rispetto dell’obbligo del certificato non è assolutamente controllabile”, sostiene Bislin. Sul Flumserberg vi sono dieci punti di accesso: senza ausili elettronici sarebbero quindi necessari da 20 a 30 dipendenti per controllare i pass.

Decisione nelle prossime settimane

Bislin si appella di conseguenza al Consiglio federale chiedendo che mostri tatto in una questione ritenuta estremamente importante per il turismo. “È brutalmente contraddittorio quando l’obbligo del certificato non è considerato un tema sul trasporto pubblico, caratterizzato spesso da spazi ristretti, e allo stesso tempo si discute del requisito per le attività all’aperto”, osserva.

Stando alla NZZ la decisione del governo, attesa nelle prossime settimane, farà di nuovo notizia anche oltre i confini nazionali: se non dovesse essere introdotto l’obbligo la Confederazione potrebbe tornare infatti ad essere un’isola con meno restrizioni rispetto agli altri Paesi alpini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
13 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
14 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
17 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved