laRegione
sul-certificato-covid-perplessita-trasversali-in-parlamento
(Keystone)
18.10.21 - 11:13
Aggiornamento : 11:41

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero

L’Udc non sembra essere più da sola nella sua posizione contraria al certificato Covid: anche da altre parti in parlamento sorgono delle perplessità, come rivelano i media d’oltralpe Watson e 20Minuten. Ripensamenti sono in atto al Centro, espressi dal consigliere nazionale Martin Candas e dal consigliere agli Stati Peter Hegglin in due prese di posizione diverse. Candas ha dichiarato alla SonntagsZeitung che le misure attuali “limitano fortemente una parte della popolazione” e che, essendo stata raggiunta, secondo lo studio Corona-Imunitas, un’immunizzazione superiore al 90% fra gli over 65, “l’uso del certificato deve ora essere gradualmente allentato". Peter Hegglin, oltre alla constatazione dell’esclusione di numerose persone dalla vita pubblica, aggiunge considerazioni di carattere economico-finanziario: "Non possiamo semplicemente spendere tutti i soldi che abbiamo risparmiato negli ultimi anni per la pandemia di coronavirus. Abbiamo anche bisogno di un cuscinetto per le crisi future”.

Anche a sinistra iniziano ad emergere voci contrarie: la consigliera nazionale solettese Franziska Roth, che non si dichiara no-vax e non ha nulla a che vedere con i cosiddetti “corona-scettici“, sostiene ad esempio che "la limitazione dei diritti fondamentali dovrebbe essere usata solo in casi di estrema urgenza. La vaccinazione obbligatoria non esiste e non dovrebbe essere introdotta dalla porta di servizio” per la Roth, l’obbligo del certificato per ristoranti, zoo e cinema va riconsiderato e usato solo se la situazione è "veramente precaria”. La politica dei test a pagamento escluderebbe, a suo dire, le persone che vivono in povertà e non possono permettersi test regolari, ad esempio molte persone con problemi psichiatrici che hanno paura di essere vaccinati.

Il discorso sull’esclusione di chi non può permettersi test regolari è portato avanti anche dalla consigliera nazionale dei Verdi Katharina Prelicz-Huber ,che pone l’accento sull’esclusione dalla vita sociale o dall’istruzione degli studenti e degli impiegati a bassa retribuzione ad essere esclusi dalla vita sociale, e chiede dunque che i test tornino gratuiti.

I liberali, invece, tramite il proprio presidente Thierry Burkart, dichiarano di aspettarsi ora dal Consiglio federale una prospettiva di uscita concreta dalla crisi pandemica.

Intanto, come scrive 20Minuten riprendendo la “Nzz am Sonntag”, si accende il dibattito sulla legge Covid in vista della votazione di novembre e in particolare sull’argomento, portato dal Consiglio federale, secondo il quale se la legge fosse respinta il certificato Covid non potrebbe più essere utilizzato per viaggiare. Come riporta il giornale d’oltralpe citando l’Ufsp, ciò varrebbe solo per quanto riguarda l’emissione di nuovi certificati, mentre quelli già emessi prima del 20 marzo sarebbero ancora validi, leggibili e utilizzabili in formato digitale o cartaceo come prova di vaccinazione se accettati da un altro Stato. Validità confermata al giornale anche dal Felix Uhlmann, professore di diritto costituzionale e amministrativo all’Università di Zurigo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid svizzero franziska roth peter hegglin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini
Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
2 ore
Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento
Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
3 ore
Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos
A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
3 ore
Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera
Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
3 ore
Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio
Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
4 ore
Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima
Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
5 ore
La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere
Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
6 ore
Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato
Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
8 ore
Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera
Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
9 ore
Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese
Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
© Regiopress, All rights reserved