laRegione
chi-ha-partecipato-alle-proteste-anti-covid-paghi-i-costi
Keystone
16.10.21 - 09:41

‘Chi ha partecipato alle proteste anti Covid paghi i costi’

È quanto chiesto da Berna in quanto ‘tutte le manifestazioni non autorizzate nella capitale generano costi di polizia fra i 100 e i 200 mila franchi’

La città di Berna ha presentato una richiesta alla polizia cantonale affinché i costi sostenuti durante le ripetute manifestazioni non autorizzate contro le misure anti Covid possano essere trasferiti ad alcuni partecipanti. Secondo il municipio, le condizioni per agire in tal senso soddisfatte.

Lo ha indicato ieri il responsabile della sicurezza di Berna Reto Nause alla radio svizzerotedesca SRF. Non appena la città disporrà di tutti i dati necessari, deciderà sul trasferimento dei costi. Il danno economico causato alla città ogni giovedì, così come lo sforzo della polizia, è enorme, ha precisato Nause. Le manifestazioni - tranne una - non erano autorizzate e sono degenerate in atti violenti. Ciò significa che ci sono le condizioni per poter trasferire i costi.

Questa possibilità è prevista dalla nuova legge sulla polizia cantonale, in vigore dal giugno 2020. I comuni possono addebitare all’organizzatore e ai manifestanti violenti costi fino a 10’000 franchi, e in casi particolarmente gravi fino a 30’000 franchi.

Ogni manifestazione non autorizzata contro le misure sanitarie a Berna genera costi di polizia fra i 100’000 e i 200’000 franchi. Per garantire la sicurezza, le forze dell’ordine devono schierare un grande contingente di diverse centinaia di poliziotti. A più riprese si sono registrati atti violenti e gli agenti hanno fatto uso di cannoni ad acqua, proiettili di gomma e gas irritante.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anti covid berna coronavirus manifestazioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
5 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
6 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
6 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
8 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
12 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved