laRegione
la sentenza
13.10.21 - 18:58
Aggiornamento: 20:23

Clima: annullata assoluzione ad attivista

Aveva imbrattato un edificio di Credit Suisse a Ginevra. I giudici: ‘Il riscaldamento globale non rappresenta un pericolo imminente’

Ats, a cura de laRegione
clima-annullata-assoluzione-ad-attivista
Keystone
Scritta contro Credit Suisse in Place de Bel-Air a Ginevra

Il Tribunale federale (Tf) ha annullato l’assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato un edificio del Credit Suisse con vernice rossa a Ginevra nell’ottobre 2018. Ritiene che il giovane non può invocare lo “stato di necessità putativo”.

Come nel caso degli attivisti per il clima che avevano giocato a tennis nell’atrio di una filiale del Credit Suisse a Losanna nel novembre 2018, il Tribunale federale conclude che non ci sono le condizioni di un lecito stato di necessità.

In una sentenza pubblicata oggi, la Corte precisa che nel caso di questo stato di necessità, deve esistere un pericolo imminente per un interesse giuridico individuale. Il pericolo deve concretizzarsi nelle ore successive e non deve poter essere evitato in nessun altro modo.

Secondo i giudici, il riscaldamento climatico e i disastri che provoca non rappresentano un tale pericolo imminente. Le conseguenze possono in effetti colpire tutti indistintamente, in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, senza che sia possibile identificare un bene giuridico particolarmente minacciato.

Il fatto poi di imbrattare una facciata di edificio non previene direttamente il riscaldamento climatico e le sue conseguenze. Le cause del riscaldamento sono molteplici e non sono limitate agli investimenti del Credit Suisse nelle energie fossili.

Secondo il Tf, l’attivista di Breakfree Suisse non può invocare la libertà di espressione o la libertà di riunione. L’ordine pubblico protegge solo le riunioni pacifiche. Le autorità non devono considerare solo gli interessi dei manifestanti, ma anche salvaguardare le libertà dei terzi non manifestanti.

Nella sua sentenza, il Tribunale federale ha accolto i ricorsi della Procura di Ginevra e del Credit Suisse. Il caso è rinviato al tribunale cantonale.

In prima istanza, il tribunale di polizia aveva condannato l’attivista a una pena pecuniaria di 10 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese per danni alla proprietà. In appello, il giovane era stato assolto dalla Camera penale di appello.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
13 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
14 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
17 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved