laRegione
12.10.21 - 17:01
Aggiornamento: 17:18

Covid, a Losanna scoperto un super anticorpo neutralizzante

Chuv ed Epfl annunciano un passo avanti contro la pandemia e le varianti di coronavirus ma la ‘vaccinazione resta il modo migliore per proteggersi’

Ats, a cura de laRegione
covid-a-losanna-scoperto-un-super-anticorpo-neutralizzante
Ti-Press
La vaccinazione resta la strategia migliore per proteggersi

Il Centro ospedaliero universitario vodese (Chuv) e la Scuola politecnica federale di Losanna (Epfl) hanno fatto un’importante scoperta per combattere la pandemia di Covid-19. Hanno trovato un anticorpo monoclonale molto potente che prende di mira la proteina Spike di SARS-CoV-2, l’attuale coronavirus. Può in gran parte neutralizzare le sue diverse varianti. “Lo sviluppo di questo nuovo anticorpo neutralizzante segna un passo decisivo nella lotta contro la pandemia di Covid-19”, hanno affermato martedì il Chuv e l’Epfl. “Apre la strada a una migliore gestione delle forme gravi della malattia e promette nuove misure profilattiche, come medicinale, soprattutto per le persone con un sistema immunitario indebolito”, dichiarano i due istituti. L’anticorpo scoperto potrebbe anche essere utilizzato come parte della terapia combinata per ridurre la gravità della malattia nelle persone infette da SARS-CoV-2. Gli studi clinici dovrebbero iniziare alla fine del 2022. Tuttavia, questa scoperta non è destinata a sostituire la vaccinazione, che rimane il modo più efficace per proteggersi dalle infezioni.

Blocco efficace

L’anticorpo in questione è stato isolato dai linfociti (globuli bianchi) di un paziente Covid-19 nell’ambito dello studio ImmunoCoV condotto dal Dipartimento di immunologia e Allergologia del Chuv. L’anticorpo è uno dei più potenti identificati finora contro il virus SARS-CoV-2, secondo questo lavoro pubblicato sulla rivista Cell Reports. “La sua analisi strutturale mostra che si lega a una posizione che non è soggetta a mutazioni nella proteina virale Spike. Attraverso questa stretta interazione, l’anticorpo blocca efficacemente il legame della proteina Spike alle cellule che esprimono i recettori Ace2, che sono il bersaglio del virus per entrare e infettare le cellule polmonari”, dettagliano i due istituti. L’anticorpo interrompe così il ciclo di replicazione virale e porta all’eliminazione del virus da parte del sistema immunitario. Questo effetto protettivo è stato dimostrato in vivo, quando i criceti trattati con l’anticorpo sono stati protetti dall’infezione dopo essere stati esposti a una dose di virus altamente infettiva.

Durata dell’azione estesa

Oltre all’attività antivirale, i ricercatori hanno progettato l’anticorpo per avere una durata d’azione prolungata nell’uomo. Un classico anticorpo non modificato avrà effetti protettivi per un massimo di 3-4 settimane. Qui, l’anticorpo sviluppato agirà per 4-6 mesi, osservano. “Diventa quindi un’opzione preventiva molto interessante per proteggere le persone vulnerabili non vaccinate o le persone vaccinate incapaci di produrre una risposta immunitaria. Le persone immunodepresse, le persone che hanno subito un trapianto di organi e alcuni malati di cancro possono essere protette grazie a un’iniezione dell’anticorpo da due a tre volte l’anno”, affermano i ricercatori. Sulla base di questi “risultati promettenti”, il Chuv e l’Epfl – nell’ambito della conclusione di accordi di collaborazione e di proprietà intellettuale – stanno dialogando con una start-up la cui missione sarà quella di garantire la produzione e lo sviluppo clinico di questi “superanticorpi”. La ricerca è stata condotta da team del Dipartimento di immunologia e Allergologia del Chuv, guidati da Giuseppe Pantaleo e Craig Fenwick, e dal Laboratorio di virologia e genetica dell’Epfl, guidato da Didier Trono e Priscilla Turelli. Il team di ricerca è stato in grado di rispondere rapidamente alla pandemia scoprendo anticorpi neutralizzanti grazie al supporto dell’Istituto svizzero di ricerca sui vaccini per molti anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
49 min
L’imposizione individuale è stata messa in consultazione
Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
1 ora
Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera
Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
3 ore
Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino
Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
6 ore
‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’
È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male.
Svizzera
22 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
23 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
23 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
23 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
23 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
1 gior
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
© Regiopress, All rights reserved