laRegione
laR
 
06.10.21 - 18:54
Aggiornamento: 19:20

Chiesa e abusi, in Svizzera pochi i casi denunciati

Dopo lo scandalo francese facciamo il punto sulla situazione all’interno della Confederazione e in Ticino. Ci sono progressi, ma non molti si fanno avanti

chiesa-e-abusi-in-svizzera-pochi-i-casi-denunciati
Keystone

Oltre 300mila sarebbero le vittime di abusi da parte di ecclesiastici francesi e di loro collaboratori, ma quella ferita non si ferma Oltreconfine. Già da tempo la Chiesa cattolica svizzera ha riconosciuto la gravità del problema, sostiene e collabora a commissioni indipendenti ad hoc anche a livello locale. Quest’estate ha inoltre prolungato di cinque anni la validità del fondo di indennizzo creato nel 2016. I numeri però sono ben diversi rispetto a quelli francesi: meno di 400 casi segnalati dal 2010. Risultato di un silenzio nel quale si chiudono non solo molte vittime, ma anche i possibili testimoni.

«Al netto delle ovvie proporzioni tra Svizzera e Francia – in termini di popolazione e di fedeli – l’ecatombe emersa nei giorni scorsi rivela comunque dinamiche analoghe a quelle svizzere: a rischio sono soprattutto le realtà come gli studentati, i collegi, le scuole cattoliche. Ambienti dove vigono l’obbedienza e la sacralizzazione della figura del prete. Gli stessi religiosi vi perpetuano talora una storia di abusi subiti: è questo il caso di colui che approfittò di me quando ero bambino», spiega Jacques Nuoffer, presidente del gruppo di sostegno Sapec.

Nuoffer insiste sull’importanza di un impegno attivo e concreto da parte della Chiesa: «In questi anni siamo riusciti a fare molti passi avanti, come dimostra la scelta della Chiesa di valutare gli indennizzi non solo in base alla gravità degli abusi, ma anche a quella dei traumi che hanno causato: lo stesso colpo di martello ha effetti ben diversi su una bambola di pezza e su una di porcellana. Ora inoltre ci si può anche rivolgere direttamente ai servizi cantonali d’aiuto per le vittime di reati, che sostengono nelle richieste di indennizzo». Intanto però i casi trattati dalla commissione nazionale sono poco più di 40: «Molte vittime preferiscono lasciare sepolto l’accaduto, spesso legato a un lontano passato. Io stesso ho preso coscienza del diritto e dell’importanza di ottenere un riconoscimento solo dopo avere elaborato a lungo il trauma». Una piccola differenza la fa anche l’informazione: «Notiamo picchi di segnalazioni dopo notizie clamorose come quella francese. Quella delle vittime che restano in silenzio è una situazione paragonabile a una pentola a pressione, che solo dopo un certo punto inizia a fischiare».

‘Clima omertoso’

In Ticino la Commissione diocesana di esperti in caso di abusi sessuali è attiva dal 2013, eppure «i casi trattati non superano la decina», come ci spiega il portavoce Dante Balbo. «Purtroppo, nonostante l’impegno del nostro gruppo di giuristi, psicoterapeuti e rappresentanti della Diocesi, sul tema degli abusi vige ancora un clima omertoso: chi sa qualcosa si fa scrupoli a denunciare, nel timore di mettere in difficoltà persone sulle quali ci sono solo sospetti. Come Commissione, facciamo molta attenzione a garantire la massima discrezione e a evitare di dare in pasto innocenti all’opinione pubblica, seppure senza alcuno sconto o copertura per chi risulta responsabile. Ma la reticenza rimane».

La Commissione si coordina con uno psicologo e una psicoterapeuta per accogliere le testimonianze delle vittime, in modo da ascoltarne la storia e metterle nelle condizioni di proseguire un eventuale iter di denuncia. Iter che può portare a un procedimento penale – nel caso in cui non sia già intervenuta la prescrizione –, ma anche a un intervento da parte della Chiesa. «Una volta elaborato un rapporto, lo sottoponiamo alla Diocesi. Nei casi acclarati si arriva a risarcimenti da parte di tribunali ecclesiastici e al sollevamento dei responsabili dai loro incarichi, con riduzione allo stato laicale», precisa Balbo. Che però aggiunge: «Alla reticenza diffusa si somma spesso il fatto che le vittime hanno subito abusi decine di anni prima, col risultato che ricostruire la rete di eventi e responsabilità risulta ostico. Comunque sia, è fondamentale per noi che chiunque sia al corrente di certi episodi, passati o presenti, si faccia avanti senza esitazioni».

Leggi anche:

216’000 vittime di pedofilia nella chiesa francese in 70 anni

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
16 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
17 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved