laRegione
aree-divise-per-vaccinati-e-non-vaccinati-l-idea-piace-ai-gerenti
(Keystone)
06.10.21 - 09:22
Aggiornamento : 12:15

Aree divise per vaccinati e non vaccinati, l’idea piace ai gerenti

L’emittente Srf pensa di creare nelle sue mense delle aree accessibili con certificato Covid, lasciando libero accesso alle altre zone. Gastrosuisse approva

I dipendenti dell’emittente Srf mangeranno nelle mense dell’azienda in aree diverse a seconda se vaccinati o meno. E, come riferisce 20Minutem, l’idea non dispiace al settore della ristorazione.

Srf sta pensando di creare, nelle sue mense aziendali a Zurigo e a Berna, delle aree speciali in cui sarà richiesto il certificato Covid, e dunque riservate al personale vaccinato o che presenta un test negativo, e nelle quali non saranno applicate ulteriori misure di sicurezza, mentre gli altri spazi saranno liberamente accessibili anche a persone non vaccinate. La decisione è stata motivata dalla portavoce Andrea Wenger con la carenza di posti a sedere all’ora di pranzo a causa dei piani di protezione e con l’idea che “gli incontri e gli scambi personali saranno di nuovo possibili nelle aree che richiedono un certificato, come già avviene in altri ristoranti del paese”.

Secondo 20Minuten, altre aziende in Svizzera sarebbero pronte a seguire l’esempio. Dal canto suo, i ristoratori guardano con favore alla proposta: secondo Urs Pfäffli, presidente di Gastro Zürich City, la creazione di aree separate nei ristoranti per vaccinati e non vaccinati, e dunque la possibilità di accettare tutti i clienti, alleggerirebbe la situazione dal momento che gli avventori non vaccinati non sarebbero costretti a fare un test ogni volta che si recano a mangiare fuori. Anche Gastrosuisse si dice favorevole all’idea, avanzando la proposta di creare fasce geografiche o temporali in cui servire i clienti non vaccinati. Si dice però scettico il consigliere nazionale del Centro Alois Gmür, membro dell’associazione, che sostiene che non c’è abbastanza spazio per le diverse zone e che la loro creazione comporterebbe costi elevati, ma che sottolinea come d’altro canto non sia giusto richiedere il certificato Covid nei ristoranti ma non nelle mense aziendali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid certificato covid svizzero gastrosuisse srf
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo
La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
13 ore
Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera
Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
14 ore
Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc
Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
16 ore
Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese
I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
19 ore
Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum
Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
19 ore
Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista
L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
20 ore
Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef
L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
1 gior
Princìpi e realtà, la Migros a un bivio
I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
1 gior
‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’
È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 gior
Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare
La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
© Regiopress, All rights reserved