laRegione
04.10.21 - 12:32
Aggiornamento: 15:23

Extinction Rebellion blocca una strada a Zurigo, iniziato sgombero

La protesta annunciata è iniziata verso mezzogiorno. Gli attivisti si sono seduti a terra su Uraniastrasse, non lontano dalla stazione

extinction-rebellion-blocca-una-strada-a-zurigo-iniziato-sgombero
(Keystone)

Circa 200 attivisti del movimento Extinction Rebellion hanno bloccato il traffico oggi nel centro di Zurigo, non lontano dalla stazione centrale, per attirare l’attenzione sul problemi climatici. La polizia sta sfollando i manifestati che si sono seduti al centro di un incrocio, ma gli attivisti non demordono e annunciano azioni anche per domani.

Come annunciato in anticipo, i membri del gruppo Extinction Rebellion hanno bloccato alle 12 la Uraniastrasse, all’altezza della Bahnhofstrasse. Hanno trascinato sulla carreggiata un’imbarcazione in cartapesta con la scritta “Agire adesso!” e alcuni si sono istallati in mezzo alla strada con sedie da giardino.

Persone di tutte le età hanno deciso di manifestare pacificamente perché “non possono più accettare che non vengano prese misure urgenti", afferma Extinction Rebellion in un comunicato. Sono "allarmati per la catastrofe climatica che sta avvenendo sotto i loro occhi”.

La polizia municipale di Zurigo è stata dispiegata nel centro della città e ha transennato la strada. Gli agenti sono intervenuti alle 13.20 e hanno sgomberato gli attivisti seduti in mezzo ad un incrocio. I manifestanti hanno opposto solo resistenza passiva. Diverse decine di dimostranti occupano ancora una parte della Uraniastrasse.

Mentre l’intervento delle forze dell’ordine è ancora in corso, Extinction Rebellion ha già annunciato una nuova azione per domani. “Di fronte all’emergenza climatica, non è più sufficiente esprimere il proprio malcontento solo attraverso manifestazioni legali e petizioni", si legge nel comunicato. Già la settimana scorsa, gli attivisti avevano annunciato di essere pronti a farsi arrestare dalla polizia. "Se verremo evacuati, torneremo”, avevano avvertito.

A giugno, Extinction Rebellion ha presentato una lista di richieste al Consiglio federale, tra cui la dichiarazione dello stato di emergenza climatica. In mancanza di una risposta, gli attivisti hanno deciso di bloccare il traffico nel centro di Zurigo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
6 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
8 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
8 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
8 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
9 ore
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
13 ore
Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
17 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
© Regiopress, All rights reserved