laRegione
01.10.21 - 14:04
Aggiornamento: 15:59

Autorità di vigilanza Mpc, si dimette il presidente Uster

Hanspeter Uster lascerà anche il ruolo di membro dell’Av-Mpc alla fine del 2021

autorita-di-vigilanza-mpc-si-dimette-il-presidente-uster
Keystone

Hanspeter Uster, presidente e membro dell’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC), lascerà la carica a fine anno.

Uster, ex consigliere di Stato ed avvocato, crede che il momento per andarsene sia quello giusto in seguito all’elezione di Stefan Blättler quale nuovo procuratore generale della Confederazione e al processo avviato dal Parlamento per la revisione delle basi giuridiche del Ministero pubblico della Confederazione e dell’AV-MPC.

Durante il suo mandato come presidente, si legge in una nota odierna dell’AV-MPC, Hanspeter Uster è riuscito a guidare e rafforzare eticamente l’autorità di vigilanza “in tempi molto difficili”. Oltre all’impegnativa gestione del procedimento disciplinare riguardante l’ex procuratore generale della Confederazione Michael Lauber, dimessosi per essere rimasto invischiato nello scandalo FIFA, l’AV-MPC ha potuto continuare a svolgere l’attività di vigilanza e professionalizzarla ulteriormente.

Secondo la legge l’AV-MPC si costituisce autonomamente. A tempo debito informerà sulla persona che succederà a Hanspeter Uster come presidentessa/presidente. La preparazione dell’elezione di un nuovo membro dell’AV-MPC da parte dell’Assemblea federale plenaria è compito della Commissione giudiziaria del parlamento, informata nel frattempo delle dimissioni dell’attuale presidente.

Caso Lauber

Il caso Lauber, citato nella nota, è stato all’origine della partenza nel maggio 2020 del giurista bernese Rolf Grädel dall’AV-MPC. L’ex procuratore del canton Berna aveva motivato il suo ritiro spiegando come il rapporto tra l’autorità di vigilanza e il MPC fosse in quel momento “molto difficile”.

In un rapporto pubblicato nel marzo 2020, l’autorità di vigilanza aveva concluso che Michael Lauber aveva infranto diversi doveri d’ufficio, affermando ripetutamente il falso, agendo in modo sleale e violando il codice di condotta dell’MPC in modo “gravemente negligente”.

L’AV-MPC aveva quindi deciso di imporre a Lauber - quale sanzione disciplinare - una riduzione salariale dell’8% per un anno (il massimo consentito ammonta al 10%) pari a un taglio di 23’827 franchi su uno stipendio annuo di 297’844 franchi. Il procuratore generale aveva però deciso di fare ricorso al Tribunale amministrativo federale, accusando - tra le altre cose - di parzialità l’Autorità di vigilanza.

Messa in guardia

Nel marzo scorso, lo stesso Uster aveva preso posizione sulla vicenda Lauber, mettendo in guardia contro una politicizzazione della procura federale. Reintegrare l’istituzione nell’amministrazione avrebbe comportato, a suo dire, una concentrazione di potere non in linea con il sistema elvetico.

“Sarebbe esattamente la lezione sbagliata da trarre dal caso Lauber, che come procuratore generale ha convogliato su di sé troppe competenze”, aveva affermato Uster in un’intervista apparsa sui giornali del gruppo CH Media. Più l’MPC si avvicina alla politica, più aumentano i rischi di schierarsi o di trattamenti preferenziali, aveva sottolineato.

I risultati dell’inchiesta disciplinare avevano in effetti mostrato come Lauber avesse accentrato sulla sua persona molti ruoli. A seguito di ciò, è stata avviata una riflessione su come organizzare in futuro i vertici dell’MPC. Le proposte vanno da tre procuratori capi a un modello con un primo procuratore.

L’AV-MPC

L’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione, un’autorità collegiale indipendente, è composta da sette membri eletti dall’Assemblea federale plenaria per un mandato della durata di quattro anni. Secondo la legge, l’AV-MPC è composta di un giudice federale, un giudice penale federale, due avvocati iscritti al registro degli avvocati e tre specialisti. I membri dell’AV-MPC sono sostenuti nelle loro attività da una segreteria permanente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
4 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
6 ore
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
23 ore
In autostrada al massimo a 100 all’ora
È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
23 ore
Il Parlamento converge... sul solare
Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
23 ore
Aborto: 20 anni di regime dei termini
Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior
Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%
A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior
Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.
Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
1 gior
Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza
La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
1 gior
Si prospettano lunghe attese per il pediatra
Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
© Regiopress, All rights reserved