laRegione
berna-raduno-contro-le-restrizioni-covid-non-autorizzato
Uno scatto della manifestazione dello scorso 23 settembre a Berna (foto Keystone)
30.09.21 - 21:09
Ats, a cura de laRegione

Berna, raduno contro le restrizioni Covid non autorizzato

Erano in diverse centinaia gli oppositori al certificato scesi per strada in serata. L’area attorno a Palazzo federale, Piazza compresa, è stata transennata

Diverse centinaia di oppositori alle restrizioni dettate dal coronavirus si sono riuniti a Berna questa sera per un’altra manifestazione non autorizzata. La loro protesta era diretta in particolare contro l’obbligo del certificato Covid per frequentare vari ambienti.

Un corteo è iniziato poco dopo le 19.30 sul piazzale della stazione centrale. La polizia ha isolato diverse strade del centro cittadino, ricordando ai partecipanti che la manifestazione non è autorizzata e dovranno aspettarsi controlli e arresti, riferisce un corrispondente di Keystone-Ats.

La polizia cantonale era di nuovo schierata con un grande contingente. L’area intorno all’edificio del Parlamento federale, compresa Piazza Federale, è stata transennata.

Il Consiglio nazionale questa sera è ancora riunito nell’edificio del Parlamento. Il presidente della Camera del popolo, Thomas Aebi (Svp), aveva dichiarato in precedenza che la polizia avrebbe garantito la sicurezza.

Manifestazioni segnate dalla violenza: sette su otto non erano autorizzate

Le dimostrazioni di oppositori alle misure antipandemiche degli ultimi due giovedì a Berna sono state segnate da violenze e la polizia ha fatto uso di proiettili di gomma e cannoni ad acqua contro i manifestanti.

Dal 13 settembre in Svizzera è stato esteso l’obbligo di certificato Covid. Da allora, i visitatori devono identificarsi come vaccinati, guariti o mostrare il risultato di test recenti non solo nei grandi eventi o in discoteca. Il certificato Covid è richiesto anche quando si va al ristorante, al cinema o in palestra.

Solo in settembre, otto manifestazioni di oppositori alle misure anti-Covid hanno già avuto luogo a Berna. Sette non erano autorizzate. Dopo la violenza del raduno del 16 settembre, la città di Berna ha annunciato che non avrebbe più tollerato dimostrazioni non autorizzate. Tuttavia, la polizia non è stata in grado di impedire una marcia di protesta venerdì scorso.

L’Ufficio Federale di Polizia (Fedpol) ha detto di avere un sistema per difendersi da possibili intrusioni a Palazzo federale. Il Servizio delle attività informative della Confederazione (Sic) sta indagando sul possibile coinvolgimento di gruppi estremisti violenti nella comunità degli scettici della pandemia o delle misure per contrastarla.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berna certificato covid svizzero oppositori raduno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
39 min
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
1 ora
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
1 ora
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
2 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
3 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
5 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
5 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
Svizzera
7 ore
La formazione continua è la carta vincente. E va incentivata
Ne è convinta Travail.Suisse, che chiede un’offensiva in questo campo. E maggiori aiuti dal settore pubblico sotto forma di borse di studio
Svizzera
8 ore
Nel 2021 ancora l’ombra della pandemia sugli studi medici
Malgrado il miglioramento rispetto a marzo-ottobre 2020, quasi la metà di loro anche l’anno scorso ha registrato un calo delle attività
Svizzera
10 ore
Femsa vuole fare spesa da Valora: sul piatto 1,1 miliardi
L’azienda messicana intenzionata ad acquistare il rivenditore al dettaglio basilese. Offerti 260 franchi per azione
© Regiopress, All rights reserved