laRegione
30.09.21 - 14:31
Aggiornamento: 15:57

In calo i contagi e i ricoveri, in Ticino l’incidenza più bassa

Aumentano di poco i decessi secondo il bollettino settimanale dell’Ufsp. Scende anche il numero di pazienti Covid in cure intense

Ats, a cura de laRegione
in-calo-i-contagi-e-i-ricoveri-in-ticino-l-incidenza-piu-bassa
Keystone

Il numero di nuove infezioni da coronavirus e di ricoveri ospedalieri in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein è sceso la settimana scorsa rispetto a sette giorni prima. Il numero dei morti è invece leggermente aumentato passando da 33 a 37. È quanto emerge dal rapporto settimanale dell’Ufficio federale della sanità (Ufsp).

Nel periodo tra il 20 e il 26 settembre - 38esima settimana - all’UFSP sono stati dichiarati complessivamente 9’340 casi di coronavirus confermati in laboratorio, in calo del 27% rispetto alla settimana precedente, quando ne erano stati registrati 12’741.

L’incidenza alla settimana per 100’000 abitanti nei cantoni ha oscillato tra i 40 in Ticino e i 330 a Uri. Nei Grigioni l’incidenza è stata di 83.

Quanto ai ricoveri finora ne sono stati dichiarati 227 in relazione a un’infezione da Sars-CoV-2 confermata in laboratorio, contro i 272 della settimana precedente. Il numero di ricoveri nella settimana in rassegna è diminuito rispetto a quello di sette giorni prima nonostante le dichiarazioni tardive attese. Sempre tra il 20 e il 26 settembre è diminuito anche il numero medio di pazienti ricoverati in un reparto di cure intense: sceso del 14% a 229 rispetto ai 265 di sette giorni prima.

Nella 38esima settimana sono invece aumentati i morti per Covid-19: 37 contro i 33 della settimana precedente.

Per quanto riguarda i test nel periodo in rassegna ne sono stati effettuati 257’852 (49% PCR e 51% test antigenici rapidi), un numero simile a quello della settimana precedente (266 493). La percentuale dei positivi a test PCR è diminuita passando dal 9,4% della settimana precedente al 7,5% della settimana in rassegna, quella dei test antigenici rapidi è passata dall’1,3 all’1%.

Dalla 26esima settimana del 2021 la variante Delta è la più comune del virus e per questo motivo non è più classificata come variante preoccupante in Svizzera e nel Liechtenstein da metà agosto 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera
Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
12 ore
Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi
La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Ecuador
14 ore
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
15 ore
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
15 ore
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
15 ore
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
17 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
1 gior
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
© Regiopress, All rights reserved