laRegione
28.09.21 - 16:14
Aggiornamento: 16:42

Dagli Stati sì a standard minimi per mezzi pesanti nelle Alpi

Un altro passo avanti per la richiesta di maggior sicurezza in camion e bus inoltrata nel 2016 dall’oggi consigliere nazionale socialista Bruno Storni

Ats, a cura de laRegione
dagli-stati-si-a-standard-minimi-per-mezzi-pesanti-nelle-alpi
Ti-Press

In futuro camion e autobus potranno attraversare le Alpi solo se muniti dei moderni sistemi di assistenza alla guida. È quanto prevede la revisione della Legge federale sulla circolazione stradale (LCStr) adottata oggi dal Consiglio degli Stati con 29 voti contro 9. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

La modifica legislativa ha origine dall’iniziativa del Canton Ticino denominata “Strade più sicure subito” e presentata nel 2016 dall’allora deputato cantonale e oggi consigliere nazionale socialista Bruno Storni. Il testo prevede che i veicoli pesanti per il trasporto di merci o persone non conformi ai recenti standard di sicurezza possano percorrere le strade alpine al massimo ancora per cinque anni. Le nuove norme si applicheranno a tutti i quattro assi di transito transalpino: San Gottardo, San Bernardino, Sempione e Gran San Bernardo.

In futuro, i veicoli interessati dovranno essere equipaggiati con i dispositivi di sicurezza più recenti. L’iniziativa ticinese cita il sistema antibloccaggio, il dispositivo avanzato frenata d’emergenza, il sistema di controllo della stabilità, l’avviso di deviazione della corsia e il controllo della pressione degli pneumatici. Questi dispositivi sono del resto obbligatori in Svizzera e nell’Ue per i mezzi pesanti immatricolati dopo il 2015. Nell’elaborare la modifica della LCStr, le Camere hanno approvato un termine più lungo per la Svizzera meridionale e il Vallese. L’idea è sgravare le imprese di spedizione attive nei Cantoni alpini e garantire l’approvvigionamento delle regioni di montagna. Un’agevolazione per i trasporti interni, come prevista nel progetto, non è compatibile con gli obblighi internazionali della Svizzera, ha replicato invano la consigliera federale Simonetta Sommaruga.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
10 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
13 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
13 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
16 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
17 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved