laRegione
25.09.21 - 13:29

Test Covid gratuiti, Thomas Aeschi vuole sessione straordinaria

Il capogruppo UDC: ‘Finché si applica l’estensione dell’obbligo di certificato, anche i costi dei tamponi dovrebbero essere coperti’

Ats, a cura de laRegione
test-covid-gratuiti-thomas-aeschi-vuole-sessione-straordinaria
Keystone

Sarà il parlamento a salvare la gratuità dei test Covid? Stando alla Schweiz am Wochenende, il presidente del gruppo parlamentare UDC Thomas Aeschi vuole indire una sessione straordinaria delle Camere federali, per portare il Consiglio federale a cambiare posizione.

Aeschi è deluso in particolare che il governo non abbia seguito l’indicazione della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N), che mercoledì si è rivolta per lettera all’esecutivo chiedendo (16 voti a 6) di mantenere gratuiti i test. “Finché si applica l’estensione dell’obbligo di certificato, anche i costi dei test dovrebbero essere coperti”, afferma l’esponente UDC.

Il consigliere nazionale di Zugo vuole quindi che si muova ora il parlamento, con una sessione alla fine della settimana prossima o nella prima settimana di ottobre. Per farlo deve prima ottenere che la CSSS-N nella sua seduta di lunedì sostenga una mozione per test gratuiti. “Se una mozione identica fosse presentata anche al Consiglio degli Stati, un quarto dei membri di un consiglio potrebbe chiedere che le Camere siano convocate per una sessione straordinaria”, spiega Aeschi.

Stando alla Schweiz am Wochenende è difficile valutare quanto elevate siano le chances che questo accada. Il tema non è comunque caro solo all’UDC. La consigliera nazionale Manuela Weichelt (Verdi/ZG) spiega che per gli ecologisti è incomprensibile che il Consiglio federale ignori la volontà della commissione della sanità. “È importante che il maggior numero di persone possibile continui a essere testato e quindi a proteggere famigliari e conoscenti”. Come Aeschi, anche lei lotterà per i test gratuiti. A suo avviso occorrerà comunque chiarire quale sia il modo migliore per raggiungere l’obiettivo.

Intanto fra chi nella società civile si oppone alle misure di restrizione vi è chi pensa a entrare in parlamento. Sempre secondo la Schweiz am Wochenende nell’ambiente del dissenso sono stati infatti creati gruppi di lavoro che stanno elaborando piani per far sì che il movimento partecipi alla corsa per le elezioni del Consiglio Nazionale del 2023. “Il parlamento non sta più facendo il suo lavoro", sostiene l’imprenditore informatico Josef Ender, un volto della protesta. A suo avviso a Palazzo federale servono veri rappresentanti del popolo. E il fondatore di Mass-Voll, Nicolas A. Rimoldi, afferma: "ci siamo assunti il compito di rinnovare il sistema dei partiti consolidati”. Il politologo Lukas Golder, co-direttore dell’istituto demoscopico GfS di Berna, ritiene che un movimento di tal tipo abbia un potenziale di voti del 10%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
10 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
10 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved