laRegione
23.09.21 - 15:20

‘La Confederazione assuma i danni causati dai lupi’

Il Consiglio nazionale ha accolto una mozione di Fabio Regazzi (Centro) che chiede di correggere una ripartizione dei costi giudicata ‘iniqua’

la-confederazione-assuma-i-danni-causati-dai-lupi
Keystone
Regazzi

Berna – La Confederazione dovrebbe assumere integralmente i danni causati da specie di selvaggina protette, quali i lupi. Il Consiglio nazionale ha accolto oggi – con 106 voti contro 85 e 3 astenuti – una mozione in tal senso di Fabio Regazzi (Centro/TI). Gli Stati devono ancora pronunciarsi.

Attualmente i danni provocati da linci, lupi, orsi e sciacalli dorati vengono presi a carico dalla Confederazione nella misura dell’80%, mentre quelli causati da aquile, castori e lontre nella misura del 50%. I Cantoni si assumono i costi restanti.

Ripartizione iniqua

Secondo Regazzi, si tratta di una ripartizione che appare iniqua. Non si vede infatti per quale motivo le autorità cantonali debbano assumersi dei costi per danni causati da specie che risultano protette per volontà del legislatore federale.

Inoltre, stando al parlamentare ticinese, i Cantoni devono comunque già sopportare tutta una serie di costi legati alla gestione di questi casi, come gli accertamenti, le indagini, i monitoraggi ecc.

Ripartizione non contestata nel 2019

A suo avviso, l’aumento dei danni è legato alla crescita della popolazione di queste specie protette. “Il mio testo risale al 2019 ed evocava una cinquantina di lupi. Oggi se ne contano il doppio. Si tratta di una crescita esponenziale”, ha sottolineato Regazzi.

La revisione della legge sulla caccia è stata adottata dal Parlamento nel settembre 2019, ha ricordato dal canto suo la ministra dell’ambiente Simonetta Sommaruga. Il sistema attuale secondo cui la Confederazione e i Cantoni si assumono insieme il risarcimento dei danni non è stato rimesso in discussione, ha aggiunto.

“Se si vuole adeguare questo principio, occorre modificare la legge. Tuttavia il Consiglio federale non può modificare un’ordinanza che è contraria alla legge”, ha precisato invano la consigliera federale. Ma il plenum non l’ha seguita e al voto ha sostenuto a larga maggioranza la mozione Regazzi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
26 sec
Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo
Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
3 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
4 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
22 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
22 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
© Regiopress, All rights reserved